moldova;partito ANTI UE sovranista (partito socialista di Igor Dodon) al 50% per le imminenti elezioni febbraio 2019

ULTIMO SONDAGGIO IL PARTITO SOCIALISTA DELLA REPUBBLICA MOLDOVA (SOVRANISTA E RAZZISTA) è DATO AL 50%

Articolo di giornalismo partecipativo pubblicato il 31/01/2019 in Politica da costel pezzetta
Condividi su:
costel pezzetta

Secondo l'esperto Igor Botan, questo è lo scenario più probabile dopo le elezioni. Nel frattempo, l'analista politico Ion Tăbârţă ritiene che un'alleanza di sinistra è possibile se i politici ignorano le antipatie personali e dei Democratici vogliono che questo accada.

Tuttavia, socialisti e comunisti e feste rappresentanti "SOR" quasi giurare che non saranno né fondersi tra loro o con i democratici. Quest'ultima esclude anche questa opzione, almeno a livello dichiarativo.


Collage: Agora.md

 

I socialisti escludono un'alleanza con la "Shar"
Segretario esecutivo della sprm Vlad Batrincea esclude un'alleanza post-elettorale con il Partito di Sor, dicendo sprm obiettivo è quello di ottenere la maggioranza nelle elezioni del 24 febbraio.

Per quanto riguarda il partito "Shir" ... " non hanno ideologia. L'unica cosa di cui si occupa questo partito è la corruzione degli elettori. Ci sono già altri segnali che l'attività del partito nella campagna elettorale è illegale. Crediamo che sia un criminale condannato (no - Ilan Şor) che deve rispondere delle sue azioni e della collaborazione, né può esserlo ", ci ha detto il socialista.

PSRM - interessato ad un'alleanza con parlamentari indipendenti
Secondo Bătrincea, se i socialisti non hanno la maggioranza in Parlamento, sono aperti ad allearsi con deputati indipendenti che  "vorrebbero risolvere i problemi dei cittadini ".

" Oggi lavoriamo per la maggioranza e abbiamo tutte le possibilità per ottenerlo. Se non lo capiamo, siamo pronti a formare una maggioranza con alcuni deputati indipendenti che alla fine verranno dai distretti e vogliono risolvere i problemi delle località che rappresentano in Parlamento. Se siamo candidati indipendenti, non vediamo alcun problema. Se sono eletti nei collegi elettorali rappresentano e hanno ottenuto la maggioranza dei voti e sono professionisti, perché no. Ma, naturalmente, sarà esaminato individualmente e vedremo se sarà appropriato. Oggi è difficile presumere. Dobbiamo vedere quali risultati arriveremo in Parlamento ", ha aggiunto Laurentina.

L'interesse per un'alleanza con candidati indipendenti a far parte della legislatura è stato espresso anche dal capo dello stato, Igor Dodon , leader informale dei socialisti.

P. Shar: "Non stringiamo un'alleanza con nessuno"
Alla domanda su possibili coalizione in parlamento, dove passano la soglia del 6%, rappresentanti del partito "SOR" risposta breve e chiara: " Non fanno coalizione con nessuno, né SPRM ". Questa è stata la risposta di Alina Sargu, portavoce del partito. La stessa cosa è stata suggerita dal vicepresidente del partito, Marina Tauber, nei dibattiti televisivi di martedì 29 gennaio.

partito mancanza di volontà per coalizione con i socialisti e le altre forze di sinistra si esprime, nonostante il fatto che le parti hanno, a volte, le stesse idee nei loro programmi elettorali.

Ad esempio, statualità e neutralità militare della Moldova promossa dai socialisti, si riflette nel programma elettorale del partito "Sor": " Siamo dell'impresa in termini di preservare e rafforzare la statualità moldavo e incondizionatamente la sua neutralità militare ." Le stesse indicazioni sono comunisti stoccaggio e utilizzo, ma il nostro partito (PN).

Non siamo stati in grado di trovare la posizione del partito guidato da Renato Usatii , poiché i loro rappresentanti non ci hanno risposto al telefono.

I comunisti , a loro volta, non sono flessibili riguardo a nessuna coalizione con PSRM, la PN o il partito "Shor". Secondo il leader del PCRM Vladimir Voronin, il PDM è un governo simile alla mafia, ei socialisti sono complici dei democratici. Allo stesso tempo, secondo Voronin, Renato Usatii è un avventuriero dell'arena politica moldava, e il partito di Ilan Şor è il progetto del democratico Vlad Plahotniuc.

Per quanto riguarda i democratici, hanno anche affermato che non si uniranno ai socialisti, ai comunisti, agli sciiti o al nostro partito. Secondo Andrian Candu, Democratici e Socialisti sono molto diversi da un punto di vista ideologico.

Esperti: un'alleanza di centro-sinistra è molto probabile, ma i democratici hanno una parolaccia da dire
Secondo l'analista Igor Botan, la prospettiva di un'alleanza di centro-sinistra è molto probabile, perché "ci sono molte affinità tra le offerte elettorali e politiche del PSRM e del PDM".

Allo stesso tempo, Boţan crede che un'alleanza socialista con PCRM o PN sia, in linea di principio, possibile, ma "è come si mette il dito nel caveau".

L'analista ha dichiarato che le opzioni Party "Sor", dove il partito entrare in parlamento, sono dettati dai democratici, vale a dire PDM è quella che permette l'attività politica del partito guidato da Ilan Sor .

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password