Lega della Terra: osservatori politici, opinionisti, giornalisti o solo vecchie comari?

pubblicato il 09/12/2013 in Politica da Dario Calligaro, ufficio stampa e comunicazione Lega della Terra
Condividi su:
Dario Calligaro, ufficio stampa e comunicazione Lega della Terra

Nei giorni scorsi la nostra Associazione è stata fatta bersaglio da parte di taluni osservatori, di una serie di fantasiose ipotesi per il sostegno dato da parte nostra alla protesta pacifica prevista per oggi (Blocco dell'Italia). La nostra cena a "KM 0" del 20 settembre scorso è diventata addirittura un pericoloso "raduno" golpista, e il nostro Piano Fenice una rievocazione di non si capisce bene quali fantasmi del passato. Al di là di tutte le bisclacche ipotesi fatte sul "Piano Fenice", la cosa è molto più semplice e terra a terra: quando si decise di dare un nome alla serie di progetti concreti per il rilancio dell'agricoltura italiana, proposi Fenice in quanto da poco avevo rivisto il noto film "Il volo della Fenice", e anche per la vicenda del Teatro "La Fenice" di Venezia risorto dalle proprie ceneri (dopo l'incendio). Dunque, nulla di particolare e di fantasioso, e forse anche un tantino scontato.

Così, un po' preoccupato per aver appreso che potrei essere senza saperlo un pericoloso "golpista", mi sono premurato di chiedere all'amico Nicola Gozzoli, Vice Presidente dell'Associazione, lumi che ho riportato pubblicamente nell'intervista del 7 dicembre 2013.

Quattro domande dirette al Vice Presidente della Lega della Terra Dr. Nicola Gozzoli.

Lega della Terra opera nel concreto per il rilancio dell'agricoltura italiana, e i pettegolezzi da vecchie comari di paesini sperduti sui monti, li lascia fare pure agli altri "osservatori". Detto ciò, la nostra Associazione ha dato, come da comunicato ufficiale del Presidente, il sostegno alla manifestazione-protesta di oggi, cosa che è ben diversa dall'esserne etichettati come organizzatori.

Dato che c'è molto lavoro da fare per concretizzare i nostri 5 progetti del Piano Fenice, non abbiamo né voglia, né tempo per rispondere a sterili polemiche messe in piedi da chi di agricoltura, probabilmente, non ne capisce nulla, e si limita a sterili provocazioni e strumentalizzazioni di basso livello.

A livello personale mio e dell'amico Nicola, ci siamo commossi quando dopo aver pubblicizzato sulle nostre pagine un'azienda agricola a conduzione famigliare con i suoi prodotti tipici, ci siamo ritrovati con un commento che diceva più o meno così: "Grazie, per noi nessuno aveva mai fatto nulla".

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password