Unione Europea: doppia velocità sembra bloccata

Nella nuova bozza della "Dichiarazione di Roma" è meno esplicito il riferimento ai paesi dell'Est

pubblicato il 18/03/2017 in Politica da Samantha Ciancaglini
Condividi su:
Samantha Ciancaglini

L'Europa a due velocità bloccata, forse. Sulla bozza della 'Dichiarazione di Roma', i 27 paesi dell'Unione Europea hanno trovato una formula di compromesso che rende meno esplicito il riferimento ad una Ue a doppia velocità.

Il nuovo testo, dovrà rassicurare paesi, come la Polonia, che temevano esclusioni dalle cooperazioni rafforzate dei paesi maggiori. Il testo sarà esaminato lunedì prossimo dagli sherpa. 

"Andare avanti non significa scegliere di escludere qualcuno, l'Italia non accetterà che si scelga una divisione tra Europa dell'Est e dell'Ovest, Europa di serie A o di serie B. Vogliamo andare avanti insieme ma non vogliamo che la velocità di quest'Europa sia stabilita principalmente dai Paesi più riluttanti in questo percorso". Lo afferma, soffermandosi sull'Europa a più velocità, il premier Paolo Gentiloni intervenendo a Palazzo Madama alla conferenza dei Presidenti dei Parlamenti Ue.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password