Ricchiuti - PPI - "Bisogna salvare le nostre tradizioni e le nostre botteghe" - Appello alle opposizioni

Articolo di giornalismo partecipativo pubblicato il 28/12/2015 in Politica da Paolo Ambrogi
Condividi su:
Paolo Ambrogi
2015

Doveva essere un impegno di tutti - dichiara il presidente nazionale del Popolo Partite iva - Lino Ricchiuti - difendere i negozi ed i mestieri della tradizione perché la tradizione è la nostra grande ricchezza. Abbiamo, o forse è meglio dire avevamo , visto l’alta moria, la più alta concentrazione d’Europa di piccole imprese, micro imprese ricche di quella genialità e creatività che tutto il Pianeta ci invidia.

Imprese cresciute in un habitat unico, quello della bellezza, e che ora stanno morendo al ritmo di una al secondo senza che la classe politica si degni di fare qualcosa. La cura intrapresa da Monti prima da Letta dopo e da Renzi ora per risanare il Paese è diventata intossicazione mortale. Schiacciate dal fisco , perseguitate da Equitalia e banche. Ma dove fare sentire la voce di dissenso, di rabbia, di proposta diversa che deve rilanciare le imprese se le piccole attività sono i senza voce della Politica, non rappresentati là dove si giocano le sorti di questo Paese?

Abbiamo affidato le nostre istanze alle organizzazioni di rappresentanza ma oggi c’è da chiedersi se fanno veramente gli interessi degli associati o preservano un ruolo che oggi non ha più senso? Io non ci ho mai creduto !

Ci vuole una nuova politica fatta di libere idee e di concretezza. Tutte le nostre proposte sono viste con totale disprezzo da questo Governo , mentre poche sponde abbiamo trovato nell'attuale parlamento .

Abbiamo la necessità urgente di aprire un fronte con chi parla la nostra stessa lingua e propone ciò che noi proponiamo da tempo . Questo è il motivo per cui siamo aperti al confronto e al dialogo con chiunque con i fatti e non con le chiacchiere , siano allineati a quelle che sono , nostre richieste di buon senso , come la sanatoria fiscale su Equitalia , l'abolizione degli studi di settore , su altri punti che colpiscono le nostre attività , come i rapporti con il fisco e le banche ,  lavoreremo per trovare una sintonia comune . Affinchè ciò diventi realtà , questo Governo dei disastri , deve andare a casa , ecco spiegato il nostro impegno sancito con il I° congreso nazionale del 5 dicembre a Roma .E' giunto il momento del Popolo delle Partite Iva - conclude Ricchiuti - di un impegno diretto , basta deleghe in bianco, non abbiamo più tempo per esitare e le scelte vanno fatte.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password