DanzOpera-Omaggio a Giuseppe Verdi: un altro successo per Polimnia

Uno spettacolo che rientra nel progetto “Il Rendano e il suo sipario storico”

Articolo di giornalismo partecipativo pubblicato il 09/04/2022 in Musica e spettacolo da DENISE UBBRIACO
Condividi su:
DENISE UBBRIACO

L’associazione culturale Polimnia ha registrato l’ennesimo successo con lo spettacolo “DanzOpera-Omaggio a Giuseppe Verdi”, andato in scena al teatro Alfonso Rendano di Cosenza giovedì 7 aprile. Un evento che rientra sempre nel progetto “Il Rendano e il suo sipario storico”, realizzato in sinergia con il Comune di Cosenza. “DanzOpera” ha offerto al pubblico una commistione armoniosa di più arti (danza, lirica e teatro) per uno spettacolo unico e travolgente.

Le più celebri arie di Verdi, a distanza di 121 anni dalla sua scomparsa, hanno preso vita sul palco del Rendano grazie all’espressività vocale e interpretativa del soprano Marika Franchino e del tenore Federico Veltri, brillantemente accompagnati dal maestro Andrea Bauleo al pianoforte. Intense e vibranti le interpretazioni degli attori Marco Silani e Cornelia Golletti. Eleganti e leggiadri i movimenti coreografici del corpo di ballo composto da ben 22 giovani provenienti dai quattro centri di danza: ADAC, KOREOS DANZA, MAD, SYBARIS. Uno spettacolo originale curato in ogni dettaglio dalla regista Anna Giannicola Lucente. Anche per questo evento l’associazione Polimnia si è avvalsa della professionalità e della collaborazione della visagista Alessandra Vena per il trucco di scena e di Salvatore Esposito e del suo staff per le acconciature, i quali hanno condiviso con entusiasmo il progetto di restauro del sipario storico che l’associazione porta avanti da tempo.

La coreografa Antonella Ciappetta ha evidenziato che “DanzOpera” è stata: «Un’esperienza bellissima anche perché ho avuto la collaborazione di quattro centri di formazione. Quattro professioniste nonché carissime amiche. Siamo riuscite a portare finalmente i nostri allievi sul palcoscenico con la sinergia di tanti artisti che hanno reso un ottimo risultato finale. Mi ha fatto molto piacere partecipare a questa rassegna anche perché la finalità è recuperare il sipario storico del nostro splendido teatro. Per me è sempre un onore nonché un piacere. Danzo al Rendano da quando avevo otto anni. Ringrazio Polimnia per questa opportunità». La coreografa ha emozionato il pubblico, nelle vesti di Violetta, eseguendo un assolo sulle note del Preludio de La traviata.

La presidente dell’associazione culturale, Luigia Pastore, ha commentato con soddisfazione questa prima parte della rassegna del 2022: «Abbiamo riscosso molti consensi anche per la diversificazione degli spettacoli proposti al pubblico. Ringrazio quanti hanno aderito con il loro contributo personale e professionale al nostro progetto per il restauro del sipario storico. A breve, daremo il via al prossimo ciclo di eventi».

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password