Neffa, ritorno dell'artista e primo album in dialetto napoletano

pubblicato il 01/04/2021 in Musica e spettacolo da Emanuele Gulino
Condividi su:
Emanuele Gulino

Erano anni che Neffa pensava di realizzare un album in napoletano, un tentativo di ommaggiare le sue origini, lui con mamma di Scafati e papà di Napoli e cresciuto a Bologna. "Da piccolo mi davano del terrone o del marocchino e non capivo, ma quando ho scoperto la potenza artistica delle mie origini, non ce n'è stato più per nessuno. Napoli è sempre stato qualcosa di incompiuto: fa parte di me, ma io non ne ho mai fatto davvero parte. Questo è un modo per chiudere un cerchio", dice Neffa parlando del suo silenzio di ben 6 anni. "Nel 2017 avevo un disco pronto, quando lo feci ascoltare non convinse e mi fu chiesto di trasformarlo in un album con ospiti. A quel punto rinunciai e seguì un periodo in cui ho scritto poco. Il pensiero di non fare più un disco non mi atterriva, ma guardavo con curiosità, consapevole che la musica era sempre in me, anche se sotto altre forme. Poi un anno e mezzo fa la svolta. E' come se fossi stato travolto da un'onda: in due mesi, tra fine 2019 e inizio 2020, pre-pandemia, ho scritto una trentina di canzoni. Venivano fuori come lava colante, pezzi della mia anima che prendevano forma. Anche per questo ho voluto che la copertina del disco fosse un disegno di mio padre. E se all'inizio pensavo di giocare con il napoletano, ad un certo punto è come se il napoletano mi avesse detto: ora gioco io con te. Mi sono lasciato circondare dalla temperatura emozionale che trasmette la melodia napoletana. La seconda fase ha preso forma dopo il lockdown, perché mi sono fermato, non riuscivo a concepire la musica come salvifica. Per me è amore e se il mondo non sta sufficientemente bene, non può tradursi come tale". AmarAmmore è un disco tutto cantato in lingua napoletana, che prende spunto anche dalle canzoni di Renato Carosone, passa per gli ascolti di Roberto Murolo e Pino Daniele e arriva fino alla musica rap e trap di oggi. "In fondo la musica napoletana è sempre stata una fusione: a partire dal Cinquecento, quando la classica si fondava con la popolare, o con Carosone che prendeva lo swing e Daniele con il blues: Napoli prende questi generi e gli dà il suo marchio. La sfida è essere compenetrato da questo marchio", aggiunge Neffa. "Nel tempo si è creata la falsa idea che io schifi il rap e il mio passato. Non è affatto così, mi ha regalato tanto e quello che sono oggi, lo sono anche grazie a quelle esperienze. Come tutto quello che succede nella vita, anche gli errori. Mi sono allontanato dal rap per fare altro, è un ritmo che mi piace ancora anche se non mi ritrovo tanto con i testi: quando lo facevo io le parole avevano un peso diverso". (Foto Ansa)

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password