Firenze, nel Salone dei Cinquecento rivivono lo splendore e il potere de I Medici

Presentata la fiction anglo-italiana in 8 puntate in onda su RaiUno dal 18 ottobre

pubblicato il 14/10/2016 in Musica e spettacolo da Elisabetta Failla
Condividi su:
Elisabetta Failla
Il cast de I Medici - Master of Florence

A pochi giorni dall'anteprima mondiale di Inferno, Firenze ha vissuto oggi un’altra attesissima anteprima. Ḕ stata infatti presentata nel Salone dei Cinquecento in Palazzo Vecchio I Medici – Master of Florence, la serie televisiva anglo-italiana in 8 puntate che dal 18 ottobre andrà in onda su Rai 1 e visibile su Rai4K al tasto 210 del telecomando di tivùsat.
Una produzione che riporta la Rai sulla scena internazionale da cui mancava da tempo. "Con I Medici ci inseriamo ed affrontiamo un mondo che oggi è molto più significativo di quando la nostra Azienda, già tanti anni fa, era parte delle coproduzioni internazionali" - ha sottolineato Antonio Campo Dall'Orto direttore generale della Rai – questa serie televisiva per noi è molto importante perché rappresenta l’inizio di un percorso ed è bello farlo raccontando la storia di questa famiglia".
Il film TV, girato soprattutto in Toscana tra Firenze e località come Montepulciano e Pienza, è stato già venduto in molti paesi come ha specificato Matilde Bernabei, produttrice insieme a Luca Bernabei per Lux Vide.
Una co-produzione con un cast tecnico ed artistico di eccellenza. A partire dal regista americano Sergio Mimica-Gezzan, già assistente di Steven Spielberg, e da Frank Spotnitz, noto per aver lavorato per otto stagioni alla serie X-Files, che ha ideato la sceneggiatura insieme a Nicholas Meyer. "Non sapevo nulla sui Medici, e più che studiavo più mi rendevo conto di quanto abbiano avuto un ruolo per la creazione del mondo moderno – ha ammesso - Come rendere questa storia interessante? Abbiamo deciso di introdurre l'elemento dell'assassinio di Giovanni, creando mistero e sospetti, dando origine al desiderio di seguire la storia. Per me essere seduto qui a Palazzo Vecchio è un sogno. Forse voi italiani date per scontare le meraviglie del vostro Paese ma noi stranieri le apprezziamo. Il talento e il potenziale di questa cultura non hanno pari e sono onorato di aver avuto un ruolo in questo progetto. Quanta fantasia e quanta storia? Ci siamo ispirati a Il Padrino e Amadeus: ci siamo presi libertà, licenze, che ci servono a capire meglio i Medici. La storia non è un registro perfetto".
Alla presentazione era presente il cast quasi al completo, tra cui Alessandro Preziosi, alias Brunelleschi, Miriam Leone, ovvero Bianca una popolana di cui Cosimo si innamora in giovinezza, Annabel Scholey che interpreta Contessina de’ Bardi la moglie di Cosimo, Sarah Felberbaum e Lex Shrapnel, l’antagonista principale Rinaldo degli Albizi.
Richard Madden, Cosimo, conosciuto soprattutto per l'interpretazione di Robb Stark ne Il Trono di Spade, è arrivato nel pomeriggio per partecipare alla soirée di stasera.
Non è venuto invece Dustin Hoffman, ovvero Giovanni di Bicci il patriarca della famiglia, protagonista della prima puntata dove muore avvelenato. E da qui, infatti, che inizia la prima serie che racconta la storia dei figli di Giovanni De' Medici, Cosimo, banchiere che sogna di diventare artista, e Lorenzo. La seconda si focalizzerà, invece, su Lorenzo Il Magnifico.
Presente anche la rockstar Skin che ha firmato insieme al compositore italiano Paolo Buonvino, autore della colonna sonora, Renaissance, la coinvolgente canzone usata per i titoli di testa e di coda. "E' stata una vera sfida mettere insieme qualcosa di così antico e così nuovo ma il Rinascimento è qualcosa che ancora viviamo - ha detto Skin - questi dipinti meravigliosi hanno ancora un'influenza sul mondo e per questo sono contemporanei".
Stasera le star de I Medici hanno sfilato sul red carpet lungo il cortile di Michelozzo e, a seguire, circa 300 selezionatissimi ospiti, tra cui anche il premier Matteo Renzi, hanno partecipato nel Salone dei Cinquecento alla cena firmata dagli chef Fulvio Pierangelini e Gianfranco Vissani che ha seguito la proiezione del primo degli otto episodi.

 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password