Tiki Taka: Piero Chiambretti rivoluziona il calcio in Tv e gli ascolti lo premiano

pubblicato il 24/02/2021 in Mediatech da Mila Malinverni
Condividi su:
Mila Malinverni
Piero Chiambretti con il cast fisso di Tiki Taka

Piero Chiambretti colpisce ancora. Approdato a Tiki Taka, classico talk show del lunedì di Italia 1, e alla sua prima esperienza con il calcio parlato, ha letteralmente rivoluzionato il programma, trasformandolo in una recita a soggetto in cui tutti gli ospiti ruotano intorno al suo talento artistico. Una sorta di stand-up comedy show all’americana dove sono in molti a esprimere il proprio pensiero ma il mattatore e’ uno solo. Lui, il "Pierino la peste della Tv". 

Ogni elemento del Tiki Taka versione Chiambretti s'incastra alla perfezione nel racconto folkloristico del mondo del calcio visto in tutte le sue sfaccettature, allargando così l’attenzione dello show a un più ampio target di spettatori; un pubblico che, dopo un prime time diviso tra fiction, film, reality e approfondimenti politici, chiede per la seconda serata un programma d'intrattenimento leggero che coinvolga, intrighi, faccia sorridere e magari anche sognare tra ex campioni, giornalisti e opinion makers di ogni genere, belle donne e... tutto quanto fa spettacolo. 

Certosina la cura dei dettagli dell’autore e showman torinese che traspare in ogni segmento della trasmissione, così com'è azzeccato anche il cast fisso: Ciccio Graziani e Massimo Mauro insieme a Ivan Zazzaroni e Raffaele Auriemma a consolidare la spina dorsale tecnica-calcistica de “La repubblica del pallone” mentre Giuseppe Cruciani e Pascal Vicedomini contribuiscono alla messa in scena del programma con le opinioni di tifosi eccellenti, insider del mondo della comunicazione e dello showbiz internazionale.  

E poi la “maestrina” siciliana Ambra Lombardo a dare i voti all’estetica dei campioni, la modella latina Brenda alias “dea del pallone”, unitamente ad altre bellezze, legate in qualche modo ai calciatori e all’ambiente sportivo, e ad altri qualificati ospiti a rotazione (lunedì 22 febbraio Sinisa Mihajlović, Gianni Riotta, Xavier Jacobelli, Andrea di Caro e lo statistico Fabrizio Ferrari). Una formula che sta dando ragione alle scelte alternative di Chiambretti e i cui ascolti crescenti stanno premiando i suoi sforzi creativi e d'interpretazione di neo “profeta del calcio parlato” (l’ultima puntata ha segnato 540.000 spettatori col 6,11%). E c’è da credere che non finisca qui.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password