Il dramma di Lorella Cuccarini maltrattata sul lavoro. Ora Salini e Coletta aprano un'indagine per mobbing

La showgirl saluta i collaboratori della Vita in Diretta con una lettera durissima che muove serie accuse a un collega di lavoro

pubblicato il 26/06/2020 in Mediatech da Marco Zonetti
Condividi su:
Marco Zonetti
Lorella Cuccarini

La lettera che Lorella Cuccarini ha inviato ai collaboratori de La Vita in Diretta, il programma pomeridiano in onda su Rai1 che la showgirl concluderà oggi, è struggente e al tempo stesso inquietante. Eliminata dalla conduzione del programma per i motivi che abbiamo espresso a profusione qui, la Cuccarini ha aperto il proprio cuore raccontando, come scrive Leggo, che: «C’è una ‘prima volta’ alla quale non ero preparata: il confronto con l’ego sfrenato e - sì, diciamolo pure - con l’insospettabile maschilismo di un collega di lavoro esercitato più o meno sottilmente, ma con determinazione. Costantemente. Talvolta alternato ad incredibili (e mai credute) dichiarazioni pubbliche di stima nei miei riguardi. So che tutto questo non devo certo ricordarlo a voi che eravate qui. E se si volesse cercare il perché di tutto questo, non sarebbe certo necessario rivolgersi alla Bruzzone».

E ancora: «Malgrado tutto, mi ritengo fortunata per due motivi: perché in questi mesi ho avuto il privilegio di poter fare vero Servizio Pubblico e perché, in tutta la mia vita, ho conosciuto prevaricazioni di questo tipo solo ora, a 55 anni. Niente al confronto di molte donne che hanno sperimentato questa realtà fin da subito senza avere neppure la forza di opporsi o di parlarne».

Parole agghiaccianti, specie in periodo di MeToo, che dovrebbero scatenare un putiferio a Viale Mazzini e che dovrebbero essere ampiamente prese in considerazione dai vertici della Rai, l'Ad Fabrizio Salini e il Presidente Marcello Foa, e dal direttore di Rai1 Stefano Coletta. Facciamo finta di non sapere a chi allude Lorella Cuccarini, ma a chiunque ella si riferisca, tutto questo non dovrebbe dare adito a un'inchiesta interna? Possibile che una donna, una professionista, debba essere messa in condizione di lavorare in una tale atmosfera? Le accuse che muove Lorella Cuccarini sono gravissime e debbono necessariamente aprire un dibattito interno, con una seria riflessione a livello di vertici. Se tali accuse sono veritiere, si prefigura forse una situazione di mobbing ai danni della conduttrice? E allora dev'esserci assolutamente un'indagine al riguardo, anche solo per verificare l'autenticità delle sue dichiarazioni, visto che si parla di Servizio Pubblico pagato dai cittadini. Attendiamo una reazione dai vertici Rai, la più solerte e celere possibile. 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password