Rai per il Sociale: al via su Rai1 "Insieme con", una striscia mattutina dedicata all'Italia più fragile in tutte le sue sfaccettature

L'iniziativa del Tavolo Sociale della Rai istituito dall'Ad Salini e coordinato da Giovanni Parapini. Anzaldi (Iv): "Meglio tardi che mai"

pubblicato il 08/05/2020 in Mediatech da Marco Zonetti
Condividi su:
Marco Zonetti
Paola Severini Melograni e Flavio Insinna

Da oggi 8 maggio su Rai1 alle 7.45 circa dopo la Messa del Santo Padre, parte una nuova striscia dedicata all'Italia più fragile, vista in tutte le sue sfaccettature. La conduttrice del nuovo spazio, che andrà in onda nell'àmbito di UnoMattina, Paola Severini Melograni dichiara all'Adnkronos: "Il canone in bolletta dà diritto a tutta la popolazione a ricevere risposte concrete dal Servizio Pubblico Radiotelevisivo, risposte soprattutto a chi in questa fase di emergenza sanitaria soffre di più. E la nuova striscia sociale di Uno Mattina punta proprio a questo".

La Melograni, forte di un riconosciuto know how sul terzo settore e le disabilità, descrive così l'iniziativa nata dal 'tavolo sociale Rai' istituito dall'Ad Fabrizio Salini e coordinato da Giovanni Parapini: "In un momento come questo era indispensabile una impostazione diversa, una scelta di filo diretto e di risposte. La Rai si mette in collegamento con tutto il mondo della fragilità che non è solo il disabile, o il caregiver o le famiglie con problemi, ma anche le donne che hanno subito violenze in famiglia, acutizzate proprio nel periodo dell'isolamento in casa, i profughi, gli immigrati. La Rai questa volta non racconta ma vuole dare risposte. Noi tenteremo di farlo ogni giorno e magari ci riusciremo una volta su dieci ma questo è l'obiettivo".

E ancora: "E' il patto tacito che ci deve essere tra la popolazione italiana e una istituzione come la Rai che nasce con delle prerogative precise e che deve essere veramente qualcosa di cui andare fieri. Un patto di reciprocità. Se noi italiani abbiamo il canone in bolletta, e questo non vale né per Mediaset né per La7, è perché noi cittadini abbiamo il diritto di aspettarci qualcosa di diverso e qualcosa di più. Un patto non scritto del Servizio Pubblico che ha questo nome proprio perché deve dare risposte, conforto, presenza. I primi azionisti della Rai siamo noi. La Rai è un pezzo di ognuno di noi. E in un momento così terribile la Rai deve assolvere a questo compito. Il Tavolo sociale - del quale sono testimonial Flavio Insinna e Carlo Conti ndr - nasce per questo grazie naturalmente all'ad Salini, a Giovanni Parapini, insieme al mondo delle istituzioni e dell'associazionismo del terzo settore".

Il Segretario della Vigilanza Rai Michele Anzaldi, nonché deputato di Italia Viva, commenta così la notizia su Twitter: "Finalmente una buona notizia. Uno spazio per dare voce al non-profit e al Terzo settore. Si poteva fare prima, si è aspettato l'emergenza coronavirus. Meglio tardi che mai".

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password