Penelope Landini: "Un ruolo nel Film AMIGDALA, di Vito Pagano!"

Aldo, Giovanni e Giacomo: Lo Spot con loro, un'esperienza che non dimenticherò!

pubblicato il 30/08/2014 in Interviste da concita occhipinti
Condividi su:
concita occhipinti

Penelope...racconta PENELOPE! Una ragazza emiliana, nata a CASTEL SAN PIETRO TERME (BO) una giovane donna come tante altre...Oggi si racconta per voi lettori di Sesto, in una intervista in esclusiva invece ci comunicherà parte dei suoi progetti futuri ed emozioni trascorse durante la sua infanzia... Quando mi chiedono di raccontare della mia vita, la prima questione che pongo a me stessa è "ma che cosa racconto". Mi chiamo Penelope Landini e sono una ragazza Romagnola, nata a Imola il 14 dicembre del 1989. E se devo essere sincera, parlare della mia vita fino ad ora, non è mai stata una cosa che mi ha entusiasmato, perché non credo di avere una storia che merita di essere raccontata, di più, rispetto a quella di qualsiasi altra ragazza della mia età. Tuttavia mi stuzzica l'idea che le mie esperienze possano, anche solo in una minima percentuale, essere utili a qualche altra persona nel mondo. Fosse anche solo una. Mi darebbe gioia. Partiamo dal presupposto che qualsiasi talento o capacità che si ha nella vita, secondo il mio punto di vista, nasce in tenera età. Non veniamo al mondo con già scritto nel DNA che cosa saremo in grado di fare da grandi o in cosa saremo talentuosi. Quando nasciamo, siamo come dei blocchetti di creta, uguali e che si assomigliano tutti. Poi ad un certo punto arriva una mano speciale, che inizia a modellare ognuno di questi, dandogli la forma desiderata e nessuno sarà mai uguale ad un altro. Lo stesso procedimento capita nell'essere umano. Nasciamo tutti uguali e poi tra i 3 ed i 5 anni succede qualcosa, arriva una mano invisibile che ci porta ad essere attratti da un'esperienza visiva, che ci modella perfettamente, iniziando a stimolare in noi, già da molto piccoli, dei gesti, delle parole, dei movimenti, dei gusti che poi in seguito, si riveleranno nel nostro vero talento. Ricordo quando arrivò il mio momento. Ero piccola e avrò avuto più o meno 5 anni. In televisione vidi la pubblicità di Vaporex Forno che parlava della quotidianità di una famiglia, e la sorellina piccola, ad un certo punto, con l'intenzione di prendere in giro la sorella maggiore che non voleva mangiare troppo per paura di ingrassare le disse queste esatte parole "Fa la dieta, vuole fare la modella!!" Nella mia testa si accese quella fatidica lampadina che mi illumina ancora oggi. Sono cresciuta e in attesa di aver l'età giusta per potermi gettare a capofitto nel mondo della moda, mi interessai ai concorsi di bellezza, e questo grazie ad un aneddoto di alcuni anni dopo. Avevo 11 anni. Non li dimostravo per niente e molto spesso le persone a cui dicevo la mia età stentavano a crederci. Mi trovavo nel centro commerciale della mia città, Imola, con la mia mamma a fare la spesa e mi si avvicinarono 2 ragazze molto belle, alte, slanciate, truccate, che mi chiesero "ciao, vuoi partecipare a Miss Italia?" e io con voce quasi dispiaciuta, risposi loro "..e ma io ho 11 anni!"...continua a leggere...

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password