Mariano Mascolo la webstar di "Passioni Senza fine" la web radiosoap di Youtube

Dal teatro alla webradiosoap più famosa firmata da Giuseppe Cossentino

Articolo di giornalismo partecipativo pubblicato il 01/02/2014 in Interviste da Giuseppe Nappa
Condividi su:
Giuseppe Nappa
Nella foto Mariano Mascolo voce Fabio De Santis

1)Mariano Mascolo come è stato scelto per dare la voce ad uno dei protagonisti storici della radiosoap "Passioni Senza fine" la webradiosoap cult scritta e diretta da  Giuseppe Cossentino, uno degli sceneggiatori più acclamati nel panorama nazionale italiano?

Una sera ero su fb e ho cliccato una puntata di questo video, che all'inizio non sapevo cos'era, e ascoltandolo mi sono incuriosito ed ero colpito dalla bravura degi attori. Poi ho contattato il signor Giuseppe Cossentino autore, regista e direttore artistico del lavoro  e gli ho chiesto se li potevo mandare un mio registrato con il mio curriculum. Dopo un mese, inaspettatamente la chiamata. Ho firmato un contratto per due anni ed eccomi qui in questa bellissima avventura professionale. Anche Kevin Beacon ha debuttato in una soap opera speriamo che mi porti fortuna.

2) Chi è Fabio De Santis? Lei è un personaggio storico ma non un interprete storico. Ha trovato difficoltà a intraprendere un ruolo che era di un altro attore?

Fabio De Santis, è secondogenito di Cosimo e Ginevra De Santis, interpretati dagli attori Angelo Favale e dalla bravissima Maria Rosaria Virgili. E' un'alcolista e rispecchia la parte fragile della società di oggi in cui si viene spesso emarginati. No, nessuna difficoltà. Amo le sfide. Chi non intraprende queste avventure non può fare questo mestiere.

 

3)Si è trovato bene con le voci storiche come Maria Rosaria Virgili, Guendalina Tambellini, Jessica Resteghini e Giuseppe Scaglione in un cast ormai collaudato da tanto tempo.

Si, mi sono trovato bene. Finalmente lavoro con gente che ama questo mestiere, per me è un altro mondo questo di passioni. mi affaccio al mondo dello spettacolo a piccoli passi. In questa stagione poi ci sono anche tanti altri attori professionisti come Mirko Ferramola, Eleonora Baliani, Angelo Favale ( che interpreta Cosimo, il mio papà con cui non ho un buon rapporto), Luca Marano, Alessia Aversa, Mimmo Fornaro, Noemi Giangrande, Renzo Imbroinise, Alberto Mosca, Rachele Esposito e la brava Anna Calemme.

 

4. Ci parli della sua formazione attoriale. Che differenze ci sono per un attore di teatro leggiamo dal suo già nutrito curriculum teatrale questo approccio con il solo mezzo vocale, una recitazione che si basa solo sulle emozioni che può dare con la voce. Credo che non sia da tutti bisogna essere davvero bravi...


Io sono partito dal basso, a 18 anni mi iscrissi presso un centro culturale giovanile di Napoli gestita da Mariacristina Gentile e dal marito Enzo Balzano. Lei scrive per la RAI e ha fatto un film con Salemme e Luigi Diberti in "Isotta", faceva la moglie di Diberti. Lei mi ha dato ottimi insegnamenti e mi ha fatto innamorare di questo mestiere. Sono stati 3 anni spesi bene per la mia formazione. Poi dopo 1 anno sono passato al Teatro Tasso di Napoli gestito da Giampiero Notarangelo. Beh, anche lui mi ha aiutato molto, soprattutto corregendomi la dizione. Mi ha aiutato molto col teatro interattivo, cioè avere confidenza col pubblico e no solo col palcoscenico. Adesso sto studiando doppiaggio sempre a Napoli presso la "voice art dubbing" con gente del campo. Li studio anche recitazione.
.


5. Un sogno nel cassetto?

Fare cinema. E' un sogno che ho da quando ero bambino.

 

6) Progetti Futuri?

Sto scrivendo un progetto sull'adulterio ed uno di genere horror ma non posso anticipare altro per scaramanzia.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

..

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password