Partecipa a Notizie Nazionali

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Grecia alla resa dei conti e si annuncia un referendum

I governi e lo stesso Tsipras hanno ribadito che la partita sta per chiudersi

Condividi su:

I summit e le riunioni non hanno dato nessun esito, Alexis Tsipras ha considerato inacettabile l’ultimatum proposto dall’Europa perchè pieno  di ricatti e ha annunciato di voler indire per il prossimo 5 luglio un referendum sulle proposte avanzate al Paese dai creditori. Un annuncio che sarà la questione centrale da affrontare oggi  nel corso di una riunione d'emergenza odierna del Parlamento greco.

Queste le parole pronunciate dal leader greco alla tv di stato questa notte "La questione che sarà posta è sapere se dobbiamo accettare o respingere la proposta dei creditori. Dopo cinque mesi di duri negoziati, i nostri partner hanno concluso con una proposta che non è altro che un ultimatum alla democrazia greca e ai greci. Un ultimatum che è in contrasto con le regole europee e il diritto essenziale al lavoro, all'equità e alla dignità".

Tsipras  ha poi fatto sapere di aver chiesto al capo di BCE Mario Draghi e ai leader di Francia e Germania  di posticipare l'attuale scadenza del debito di qualche giorno perché si possa svolgere il referendumn, il cui esito , qualunque esso sia, si impegnerà a rispettare. 

Condividi su:

Seguici su Facebook