Sergio Alberti: gli immobili di lusso piacciono, anche in pandemia

Articolo di giornalismo partecipativo pubblicato il 31/08/2021 in Economia
Condividi su:

Platinum Square nasce a Dubai e si sta diffondendo in tutta Italia come una delle più importanti società immobiliari. A rivestirne il ruolo di advisor per il mercato italiano c’è Sergio Alberti, che da 37 anni lavora nel settore degli investimenti e vendite di immobili di lusso. Un self-made man come tanti ma diverso da chiunque altro, che è riuscito a contraddistinguersi per la sua tenacia, il coraggio, l’ambizione e la passione. 

Il suo savoir-faire lo ha portato lontano, tant’è che a settembre, la Platinum Square inaugurerà una nuova sede romana all’EUR, che sarà provvista di una sezione interamente dedicata agli immobili di Dubai. La società è già presente in altre città italiane, tra cui Punta Aldia in Sardegna e Bassano del Grappa, e presto sarà anche a Venezia, a Firenze a ottobre e a Milano nel 2022. Insomma, gli uffici si vanno a collocare in quelle località più rappresentative per un concetto Real Estate di alto livello. Il brand è luxury estate, tailor made, in affiancamento sia alla vendita che all’acquirente. 

 

L’Italia ha tali e tante location uniche al mondo per storia e architettura – afferma Alberti - Come espansione di Platinum Square, Roma si presta tantissimo, date le sue caratteristiche immobiliari, non potevamo mancare. Il settore del lusso ha sempre marciato in modo indipendente ed è in funzione di altri principi. Non funziona su esigenze della famiglia, degli sposi, o del lavoro. Il lusso entra in un ambito che ha altre caratteristiche. Chi acquista, soddisfa esigenze di tipo estetico e gratificazione, ha un suo modus vivendi, autonomo rispetto alla normalità, anche se si cerca redditività e rivalutazione. A Montecarlo si vende a 70.000 al mq, si acquista per prestigio, come a Londra per 40.000 al mq, soprattutto per coloro che hanno possibilità di grandi investimenti nel mondo. Il lusso si muove nel suo stesso ambiente e molti immobili, spesso, vengono offerti in modo riservato. La pandemia ha accelerato gli investimenti immobiliari. Il mercato romano ha già in sé le caratteristiche architettoniche che richiamano investitori, è la città dell’arte e della cultura, tra palazzi storici e piani nobili affrescati”. 

 

L’Italia è un paese con un patrimonio immobiliare importante. Non a caso, i palazzi storici hanno estimatori di livello da tutto il mondo e sono il fulcro di sedi istituzionali importanti. E a tal proposito, difatti, Sergio Alberti continua dicendo che: “Roma è molto rappresentativa per diverse grandi società, la valorizzazione del bene è la nostra caratteristica. Molti immobili, per le esigenze di oggi, non sarebbero proponibili o difficili da vendere. La nostra attività, grazie anche a importanti studi di architettura, studia proprio la valorizzazione che viene presentata agli investitori già in fase di trasformazione grazie a una struttura a 360 gradi. Per attici, o Penthouse, c’è grande riservatezza. I social sono sempre più importanti per promuovere la nostra attività, ma le trattative riservate non vengono divulgate. Nel luxury real estate offerta e offerta buona hanno una grande differenza, e quelle con rapporto qualità prezzo sono limitate, soprattutto se partiamo da esigenze specifiche dell’investitore”. 

 

Tra i futuri progetti un’accademia di formazione e anche un libro. “I miei clienti – sottolinea - sono tutti importanti per me. Ho seguito negli investimenti sia persone comuni, che personaggi famosi, aristocratici, artisti dello spettacolo, sportivi molto noti e grandi imprenditori”.

 

  • Argomenti:

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password