ALPE Srl, intervista al CEO Michele Chini della storica azienda di Rovereto

Il CEO della storica azienda di Rovereto racconta come l'ALPE ha affrontato la pandemia e quali sono state le grandi novità per la digitalizzazione del mercato.

Articolo di giornalismo partecipativo pubblicato il 22/02/2021 in Economia da Marta Sgro
Condividi su:
Marta Sgro

ALPE vi da il benvenuto presso le nostre sedi a Rovereto, Sant’Ambrogio di Valpolicella e Carrara, dove abbiamo delle officine attrezzate con pezzi di ricambio per tutti i macchinari dell'industria della Pietra. La nostra intervista con lui tra i bilanci del 2020 e gli obiettivi futuri. La nostra intervista con il CEO Michele Chini tra i bilanci del 2020 e gli obiettivi futuri.

 

Il 2020 è stato un anno durissimo, che sensazioni le lascia la pandemia che stiamo attraversando?

Il 2020 è stato un anno che ha portato via tante vite e ha stravolto il nostro modo di vivere. Ci ha bloccati, ci ha spaventato e ci ha fatto capire quanto è fragile la nostra vita. Proprio per questo in ALPE abbiamo messo da subito le cose in chiaro: noi non possiamo farci intimidire da un virus che oltre ad ucciderci fisicamente vuole deprimerci psicologicamente.

Come avete affrontato l’emergenza nella vostra azienda?

Tutto il team di ALPE ha messo a punto un protocollo di sicurezza per proteggere i collaboratori, i tecnici e il personale in ufficio. Sanificare è stata la parola d’ordine, dagli uffici, agli automezzi e tutte le apparecchiature per svolgere il nostro lavoro.

Nel 2020 il covid-19 ha impedito di viaggiare nel mondo in molti casi, come avete ovviato a questa problematica?

Durante tutto il 2020, tranne in alcuni casi, non ci siamo mai fermati nel dare assistenza ai nostri clienti. Abbiamo spedito pezzi di ricambio ALPE in 35 paesi ed abbiamo offerto i nostri servizi ai clienti in Italia ed all’estero. Abbiamo usato la video-chiamata e tutte le tecnologie per arrivare dai clienti per assisterli. Abbiamo partecipato ad entrambi i due eventi online di Stone SmartFair con grande successo, per rivedere vecchi clienti in ogni parte del globo.

Un bilancio di questo anomalo 2020?

Chiudiamo il 2020 con grande soddisfazione, grazie ai risultati finanziari e occupazionali raggiunti e per avere sempre messo i nostri clienti nelle condizioni di lavorare e di riattivare i loro macchinari fermi. ALPE continua a risolvere i problemi dei clienti in modo veloce e qualificato. Ringrazio tutti i clienti, i fornitori, i collaboratori per averci dato fiducia e per averci scelto.

 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password