Causa terremoto Legacoop ha stimato la perdita di 300 posti di lavoro

L'occupazione nella provincia di Macerata è fortemente a rischio dopo il sisma

pubblicato il 08/11/2016 in Economia
Condividi su:

 Secondo quanto comunicato da Legacoop , sono a rischio  300 posti di lavoro per colpa del terremoto nel Maceratese. I settori più penalizzati sono quello del sociale  e della produzione lavoro.

Lo spopolamento ha causato l'interruzione dei servizi erogati per conto delle amministrazioni pubbliche, servizi domiciliari, nelle case di riposo e per la pulizia delle scuole. Bloccate anche le attività di una cooperativa agro-forestale che opera nel Parco nazionale dei Sibillini.

 Il presidente di Legacoop Marche, Gianfranco Alleruzzo dice che  l'occupazione di questa zona delle Marche è fortemente a rischio e che si sta verificando nelle altreprovince,

Per le cooperative rimaste senza  lavoro viene richiesta  subito l'applicazione di ammortizzatori sociali per i dipendenti interessati".
  

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password