Libia, furia Isis in ospedale

Sirte teatro del massacro

pubblicato il 15/08/2015 in Dal Mondo da Gianluca Vivacqua
Condividi su:
Gianluca Vivacqua
La devastazione è di casa a Sirte

La strage della vigilia di Ferragosto.

È stata compiuta dall’Isis in Libia, in un ospedale di Sirte, come denuncia una Ong libica, il "Comitato nazionale per la difesa dei diritti umani". Dopo aver fatto irruzione nelle corsie, i miliziani si sono divertiti a fare con i degenti quello che i loro colleghi in Iraq fanno, per diletto e per missione, con gli abitanti di Mosul nelle strade di quella città: uno sterminio collettivo, più o meno la definizione che ha dato anche il Comitato  su Twitter.

Ventidue pazienti sono stati passati crudelmente per le armi. E tutti quelli che avevano creduto di poter sopravvivere, incluso il personale medico e paramedico, sono periti nelle fiamme che i miliziani hanno appiccato all’edificio, dopo esserne usciti.

Una strage del tutto gratuita? Non proprio, in realtà. Si è trattato, per esere più precisi, di un atto di feroce ritorsione - l’ultimo della serie  - contro una città, Sirte, che dopo mesi di incontrastato controllo jihadista, ha deciso di ribellarsi. Da circa una settimana infatti, la culla dell’ex dittatore Gheddafi si è trasformata in un campo di battaglia tra isisini e miliziani salafiti (altri islamisti radicali ma oppositori dello Stato Islamico), che si propongono di liberare completamente la città dal dominio degli uomini di al-Baghdadi (e hanno già la zona del porto nelle loro mani).

Fonti locali parlano di centosei morti, fino a questo momento (compresi i pazienti dell’ospedale). Nelle ultime ore gli scontri più sanguinosi si sono concentrati nel quartiere residenziale Hai 3, dove si trovava anche il nosocomio distrutto.

La scintilla della rivolta è stata l’uccisione da parte jihadista del leader salafita Khalid Ben Rijab. Adesso in aiuto degli oppositori dell’Isis potrebbero arrivare le forze del governo di Tripoli, amico dei gruppi estremisti locali.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password