Cairo: "Un attacco diretto all'Italia"

“Non ci faremo intimidire” dichiara il Ministro degli Esteri italiano Paolo Gentiloni

pubblicato il 11/07/2015 in Dal Mondo da Valentina Roselli
Condividi su:
Valentina Roselli

L’attentato ha provocato  un morto e nove feriti e malgrado fosse diretto all’Italia non c’è nessun italiano tra le vittime.   

"L'attacco di questa mattina è stato un attacco alla presenza internazionale al Cairo" dice Gentiloni e ripete che l'Italia non si farà intimidire e che risponderà con "rinnovata determinazione nel contrasto al Daesh (lo Stato Islamico, ndr) e al fanatismo terrorista". 

Matteo Renzi  ha detto nel corso di una telefonato con il  presidente Al Sisi che l’Italia non lascerà  l'Egitto da solo contro il terrorismo. Mattarella definisce i fatti del Cairo un "Vile attentato"
 

La carica esplosiva, 250 chili di tritolo,  posta sotto una vettura e comandata a distanza,  è stata   azionata con un telecomando.  La deflagrazione è stata violentissima e sono state danneggiate abitazioni circonstanti e le condutture idriche. L’esplosivo usato sarebbe lo stesso usato la scorsa settimana per l'assassinio del procuratore capo egiziano Hisham Barakat.  

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password