Assalto a Tunisi: rimasto ucciso anche Akeel, cane poliziotto

Gli agenti e la folla hanno salutato il collega con un lungo applauso

pubblicato il 19/03/2015 in Dal Mondo da Daniele Del Casino
Condividi su:
Daniele Del Casino

Akeel, pastore tedesco in forza alla Polizia tunisina, è rimasto vittima della sparatoria avvenuta ieri durante il blitz al museo del Bardo.


La notizia della morte del cane eroe, come é già stato ribattezzato sui social network sta facendo il giro del mondo grazie sopratutto ad essi e a un video, che ha immortalato la sua uscita dal museo.

Akeel era un pastore tedesco inquadrato nell'unità cinofila specializzata della Polizia tunisina, la brigata Canines, ed é intervenuto durante i concitati momenti dell'assalto da parte delle Forze speciali al museo del Bardo di Tunisi nel pomeriggio di ieri.

Il cane poliziotto è rimasto mortalmente ferito durante l'azione, attaccando uno dei cinque terroristi asserragliati nel museo.

Akeel è stato trasportato con una barella fuori dall'edificio tra due ali di folla, che hanno salutato il suo passaggio con applausi e commozione, mentre i poliziotti improvvisavano un picchetto per salutare il collega.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password