Libia, porto Bengasi in mano a regolari

Lo riferiscono media del Paese

pubblicato il 07/02/2015 in Dal Mondo da Gianluca Vivacqua
Condividi su:
Gianluca Vivacqua
Veduta del porto di Bengasi

Dopo mesi di ostilità, riconquiste provvisorie e arretramenti repentini, in Libia il 5 febbraio l’esercito regolare sembra aver fatto finalmente un passo avanti sostanziale nella liberazione  di Bengasi dai jihadisti. “Conquista completa”, hanno annunciato i media libici sulla scorta di fonti militari: ci si riferiva, più precisamente, al solo porto e alle zone limitrofe.
Ma non è certo poco. Specialmente se si considera che, stando sempre a quelle stesse fonti, alla zona portuale le forze di Tripoli hanno saputo aggiungere altri punti nevralgici della città, a discapito degli occupanti di Ansar al Sharia. A Bengasi, infatti, la Brigata corazzata 204 dell’esercito è entrata la mattina del suddetto giorno e, in poche ore, ha preso il controllo, oltre che del porto, da settembre teatro di scontri tra regolari e miliziani del gruppo Ansar al Sharia, anche del Tribunale e di un edificio amministrativo ad esso vicino (pare sia l’Ufficio visti) nella zona nord.
Che la battaglia finale per la riconquista di Bengasi non si è combattuta solo nella zona portuale e nei suoi dintorni, lo dimostrano le testimonianze di chi ha visto l’Istituto d’Arte della città andare distrutto, a causa di un incendio appiccato da sconosciuti (estremisti in ritirata?). A quanto pare la scuola era stata già in precedenza oggetto delle minacce degli islamisti ex padroni  della città, che avevano avuto qualcosa da ridire sulla “moralità” dell’abbigliamento delle allieve.  

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password