In Siria la più grande crisi umanitaria del millennio: coinvolti 5 milioni di bambini

L'allarme dell'Unicef

pubblicato il 17/03/2014 in Dal Mondo
Condividi su:

"La possiamo definire la più grave emergenza umanitaria degli ultimi 10 anni". Così Andrea Iacomini, portavoce in Italia per l'Unicef, intervenuto a Effetto Giorno, su Radio24, in merito alla crisi siriana.

"Dei nove milioni e mezzo di persone colpite dal conflitto in Siria, cinque milioni e mezzo sono bambini, che sono circa il 56% di tutti i bambini siriani. Ci sono due dati nel nostro rapporto che vanno evidenziati e che sono fondamentali: c'è oltre un milione di bambini che vive in zone sotto assedio o non raggiungibili; ci sono quasi 38mila bambini nati in condizione di rifugiati".

"Ci sono situazioni incredibili. Noi abbiamo lavorato molto, abbiamo raggiunto dieci milioni di persone con l'acqua potabile, abbiamo allestito campi per rifugiati in Giordania, Libano e Iraq, abbiamo portato programmi di vaccinazione in scuole proprio per cercare di assistere questi bambini. Ma ci sono delle aree di grandissima criticità: non dimentichiamo che il campo di Yarmuk, quello della famosa foto della gente in fila, è stato inaccessibile per 300 giorni. Poi in altre zone ci sono ospedali distrutti, 4000 scuole rase al suolo e il personale umanitario lavora sotto il tiro dei cecchini".

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password