Marocco nazione essenziale nella lotta al terrorismo internazionale

il Marocco attua da sempre due linee di lotta alla radicalizzazione e al terrorismo.

Articolo di giornalismo partecipativo pubblicato il 07/10/2021 in Dal Mondo da Marco Baratto
Condividi su:
Marco Baratto

Lo smantellamento di questa cellula terroristica e il fallimento dei suoi progetti estremisti fanno parte dei continui sforzi della DGST per combattere le organizzazioni terroristiche e neutralizzare i pericoli e le minacce che minacciano la sicurezza del Regno e la sicurezza dei cittadini, indica una dichiarazione di il BCIJ.

Le operazioni di intervento, effettuate contemporaneamente a Tangeri da elementi delle Forze Speciali del DGST, hanno portato all'arresto del presunto “emiro” di questa cellula terroristica che ha opposto accanita resistenza, che ha portato all'arresto del presunto “emiro” di questa cellula terroristica ha costretto gli elementi di intervento a lanciare bombe sonore di avvertimento per neutralizzare il pericolo, secondo la stessa fonte, facendo sapere che altri quattro membri imbevuti dell'ideologia "takfirist", portatori di un progetto terroristico transfrontaliero, sono stati anche arrestati.

"Durante l'operazione di intervento presso l'abitazione del capo di questa cellula terroristica, gli elementi delle Forze Speciali hanno assicurato l'evacuazione e la messa in sicurezza dei familiari dell'imputato e dei vicini al fine di garantire la loro incolumità e prevenire tutti i pericoli che può derivare da una possibile esplosione. Le perquisizioni e la perquisizione tecnica hanno rivelato l'esistenza di una bottiglia e fiale di vario volume contenenti acido nitrico e liquidi sospetti chimici, nonché chiodi e fili elettrici e sei bombole di gas sospettate di essere utilizzate nella fabbricazione di esplosivi artigianali, prosegue la nota. .

Un grande "stendardo" recante l'emblema dell'organizzazione "Daesh" e uniformi paramilitari, armi da taglio di vario calibro, inclusi oggetti taglienti e contundenti e una sciabola, nonché attrezzature e materiale informatico, oltre a stampati e ritratti dell'ex leader del gruppo jihadista “Daesh” nella regione sahelo-sahariana, Adnan “Abou walid al-Sahrawi”.

Secondo i primi elementi dell'indagine, aggiunge il comunicato stampa, i membri di questa cellula terroristica hanno aderito a una campagna di reclutamento e reclutamento per rafforzare i propri ranghi, così come hanno acquisito diversi prodotti utilizzati nella fabbricazione di ordigni esplosivi artigianali, dopo una sottoscrizione interna operazione per raccogliere i fondi necessari, in previsione di compiere operazioni di esplosione a distanza verso sedi centrali e addetti alla sicurezza, nonché luoghi pubblici che accolgono cittadini marocchini e stranieri.

 Per fabbricare i dispositivi e gli esplosivi, la cellula terroristica si è basata sulla formazione tecnica di uno dei suoi membri come tecnico specializzato in elettricità e operante nel campo dell'installazione di telecamere, che ha effettuato simulazioni sulla fabbricazione di esplosivi basate su tecniche e applicazioni disponibile su alcuni siti web estremisti, aggiunge la stessa fonte.

I primi elementi dell'indagine hanno inoltre rivelato che l'emiro di questa cellula terroristica ha allacciato diversi contatti con i vertici dell'organizzazione "Daesh" nella regione sahelo-sahariana al fine di garantire le risorse necessarie al finanziamento dei suoi progetti terroristici e assicurare la fornitura di armi e altro equipaggiamento logistico necessario per le operazioni terroristiche.

I membri di questa cellula terroristica sono stati posti in custodia di polizia a disposizione dell'indagine giudiziaria condotta dalla BCIJ sotto la supervisione dell'ufficio del pubblico ministero incaricato dei casi di terrorismo, al fine di chiarire la natura e l'entità delle ramificazioni locali. organizzazioni internazionali di questa cellula e di identificare tutti i suoi piani e progetti distruttivi.

Lo smantellamento di questa cellula terroristica mostra, ancora una volta, la persistenza della minaccia terroristica attraverso i tentativi di alcune organizzazioni estremiste di compiere operazioni distruttive in grado di minare gravemente l'ordine pubblico. Conferma inoltre la piena disponibilità dei servizi di sicurezza marocchini ad affrontare questi pericoli e minacce al fine di preservare la sicurezza della patria e la sicurezza dei cittadini, conclude la nota."

 

Questa la nota diffusa dalle agenzie di stampa.  Ma la notizia riguarda tutti noi. L'Europa non può fare a meno del Marocco per la lotta alla radicalizzazione e al terrrorismo internazionale. Il Marocco è il baluardo della difesa europea , per questo non sarebbe sbaglaito se in un progetto di difesa europea si interesse anche il Regno del Marocco estendendo di fatto lo statuto di associazione di cui già gode il Regno anche ad i settori della difesa e della sicurezza. Non possiamo dimenticare che il Marocco attua da sempre due linee di lotta alla radicalizzazione e al terrorismo. Una linea di polizia diretta come in questo caso a sventare attenti ed una linea di prevenzione attraverso una politica attenta e pragmatica . Un modello che potrebbe essere preso ad esempio anche in Italia

Lo sforzo del Marocco nella lotta al terrorismo è stata apprezzata anche in tempi recenti dalle Nazioni Unite che proprio nel Regno hanno insediato un centro internazionale dove le nazioni della regione posso apprendere le buone pratiche nella lotta a questo fenomeno





 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password