Marocco. Il Re Mohammed VI lancia messaggi di pace e fratellanza all'Algeria e invita a far prevalere la saggezza e gli interessi superiori dei due paesi

Marocco "si impegna a proseguire i suoi sforzi sinceri per consolidare la sicurezza e la stabilità nel suo spazio africano ed euromediterraneo, in particolare nel suo vicinato magrebino"

Articolo di giornalismo partecipativo pubblicato il 01/08/2021 in Dal Mondo da Belkassem Yassine
Condividi su:
Belkassem Yassine
Il Re Mohammed VI del Marocco e il presidente dell'Algeria Abdelmajid Tebboune

"Chiediamo che prevalgano la saggezza e gli interessi superiori dei nostri due Paesi (Marocco e Algeria). Potremo così superare questa deplorevole situazione che rovina le potenzialità dei nostri due paesi e che è contraria ai legami di affetto e di fraternità fra i nostri due popoli, ha detto il Re Mohammed VI nel discorso rivolto il 31 luglio alla Nazione in occasione del 22° anniversario della Festa del Trono. 

Sottolineata l'importanza accordata alla "sicurezza e stabilità dell'Algeria e alla tranquillità del suo popolo", che sono organicamente legate alla sicurezza e alla stabilità del Marocco, il Sovrano ha assicurato che ciò che colpisce il Marocco influenzerà ugualmente sull'Algeria; perché i due paesi fanno lo stesso corpo. 

"La verità è che sia il Marocco che l’Algeria si trovano di fronte ai problemi dell’immigrazione, del contrabbando, del narcotraffico e della tratta di esseri umani", ha osservato il Re e che le bande di queste attività criminali sono "il nostro vero nemico comune". Se, insieme, ci lavoriamo a combatterli, riusciremo a mettere fine alle loro attività sradichiamo le loro origini. 

Il Sovrano ha, inoltre, deplorando "le tensioni mediatiche e diplomatiche che conoscono le relazioni tra il Marocco e l'Algeria", che "nuocciono all'immagine dei due paesi e lasciano un'impressione negativa, in particolare nelle sedi internazionali". 

Da parte sua il Marocco "si impegna a proseguire i suoi sforzi sinceri per consolidare la sicurezza e la stabilità nel suo spazio africano ed euromediterraneo, in particolare nel suo vicinato magrebino", ha aggiunto il Sovrano ribadendo il "sincero invito ai nostri fratelli in Algeria, a lavorare insieme e senza condizioni per stabilire relazioni bilaterali basate sulla fiducia, il dialogo e il buon vicinato" ed evidenziando che "più di due nazioni vicine, il Marocco e l'Algeria, sono due paesi gemelli che si completano a vicenda". "Di conseguenza, a sua più stretta convenienza, invito Sua Eccellenza il Presidente algerino ad operare per lo sviluppo dei rapporti fraterni intessuti dai nostri due popoli durante anni di lotta comune". 

"Nessuna logica può spiegare la situazione attuale, tanto più che le ragioni che hanno portato alla chiusura delle frontiere sono totalmente superate e non hanno più ragione di essere oggi", dicendosi convinto che tra due paesi vicini e due popoli fratelli, la situazione normale è che "le frontiere siano e restino aperte". Infatti, la loro chiusura è in contrasto con un diritto naturale e un principio giuridico autentico, sancito dagli accordi internazionali, in particolare il Trattato di Marrakech, della fondazione dell’Unione del Maghreb Arabo che prevede la libera circolazione delle persone, dei servizi, delle merci e dei capitali tra gli Stati magrebini. 

Il Sovrano ha ricordato che "né Sua Eccellenza, l’attuale presidente algerino, né l’ex presidente, né io stesso siamo all’origine di questa decisione di chiusura". "Dinanzi a Dio, alla Storia e ai nostri concittadini, siamo responsabili politicamente e moralmente del persistere dello status quo". Non vogliamo rimproverare o dare lezioni a nessuno. Ci percepiamo piuttosto come fratelli che un corpo intruso - che non ha posto tra noi - ci ha diviso. Rassicuro i nostri fratelli in Algeria che il male ed i problemi non vi arrivano mai dal Marocco, non vi arriva né pericolo né minaccia, ha assicurato il Re Mohammed VI. 

 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password