Lanciagranate e autobomba, terrore in Daghestan a pochi giorni dai giochi invernali

Dalle prime informazioni non ci sarebbero morti

pubblicato il 17/01/2014 in Dal Mondo da a cura della redazione
Condividi su:
a cura della redazione

Terrore in Daghestan a pochi giorni dai giochi olimipici invernali di Sochi. Nella capitale Makhachkala (Caucaso russo) un uomo è entrato in un ristorante e ha sparato con un lanciagranate, all'arrivo della polizia è esplosa un'autombomba.
Si contano dai 5 ai 9 feriti, tra questi ci sono diversi poliziotti.

Il clima non accenna quindi a rassenerarsi a pochissimo tempo dall'importante manifestazione sportiva. Le misure di sicurezza sono imponenti, ma la tecnica usata dai terroristi riesce ad aggirarle e colpire in più punti del Paese.
Il capo della repubblica cecena, Kadyrov, ha ribadito di avere le prove della morte del leader della guerriglia caucasica, ma per ora non c'è la conferma dei servizi segreti russi.

Il destino di Sochi 2014, insomma, resta ancora una preoccupante incognita.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password