Trump: Ford investe in Usa, cancellata la fabbrica in Messico

Un tweet del suo staf:" Ford cancella fabbrica in Messico, investe in Michigan grazie alle politiche di Trump"

pubblicato il 04/01/2017 in Dal Mondo da Costanza Tosi
Condividi su:
Costanza Tosi
Donald Trump nuovo presidente

Ford annulla la costruzione di una nuova fabbrica da 1,6 miliardi di dollari in Messico e destina 700 milioni di dollari per espandere lo stabilimento di Flat Rock, in Michigan. ll colosso americano spiega che il piano di investimento di 1,6 miliardi di dollari previsto per lo stabilimento di San Luis Potosi, in Messico, è stato abbattuto. Annuncio che arriva poche qualche ora dopo l'attacco a GM di Donald Trump su Twitter per la sua decisione di produrre un modello di auto in Messico e non in Usa.

"General Motors sta inviando un modello di Chevy Cruze, fatto in Messico, ai concessionari Usa esentasse. Faccia (le auto, ndr) negli Usa o paghi pesanti tasse doganali!". Aveva infatti scritto il presidente degli USA in un tweet. Le azioni di Gm hanno registrato una flessione di circa l'1% dopo il tweet di Trump. Il presidente aveva già minacciato la Ford e lo scorso novembre Gm aveva annunciato l'intenzione di licenziare 2000 dipendenti in due fabbriche, inclusa una a Lordstown, Ohio, dove costruisce la compact Chevrolet Cruze. La casa automobilistica, secondo alcune fonti del settore, avrebbe pianificato di realizzare la Cruze hatchback in Mexico e di continuare a costruire la Cruze sedan in Ohio. L'industria automobilistica di Detroit tende a produrre le auto piccole per il Nord America in Messico grazie al minore costo della manodopera.

Donald Trump è deciso per muro al confine col Messico, al dipartimento dell'Homeland security ha chiesto di valutare tutti gli assetti disponibili per la costruzione della barriera, nonche' le capacita' di aumentare la detenzione degli immigrati e di mettere in atto il programma di sorveglianza aerea ridimensionato da Barack Obama. Sono stati chiesti anche anche altri chiarimenti: se i dipendenti federali hanno alterato le informazioni biografiche di immigrati conservate dal dipartimento per timori legati alle loro liberta' civili. In risposta alla richiesta, le dogane e lo staff della protezione dei confini hanno identificato oltre 400 miglia tra Usa e Messico dove potrebbe essere eretta una nuova barriera. Quanto alla sorveglianza aerea, si tratta della Operation Phalanx, la quale autorizza 1200 piloti della Guardia nazionale per monitorare il confine meridionale contro il traffico di droga e l'immigrazione illegale. 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password