PIETRO DEL VAGLIO, L' INTERIOR DESIGNER E LA SUA STRAORDINARIA CREATIVITA'

L' interior designer di fama mondiale ammette che l' incontro tra diverse culture attraverso i suoi viaggi per il mondo lo arricchisce di un'elevata versatilità che si evidenzia nel suo estro creativo

Articolo di giornalismo partecipativo pubblicato il 21/11/2019 in Curiosità da Sante Cossentino
Condividi su:
Sante Cossentino

Grandi progetti per Pietro Del Vaglio , interior designer di fama mondiale , dell’omonimo studio di progettazione che ha sede a monte di Procida e a Firenze. Pietro , sei impegnatissimo .

Su cosa si sta concentrando il tuo lavoro in questi mesi ?

Diversi sono i progetti ai quali stiamo lavorando, si tratta per la maggior parte di residenze private , dall’Italia a Svizzera Bulgaria e Usa.

Ti piace girare il mondo per lavoro ?

Amo viaggiare , non potrei essere stanziale, incontrare culture tra di loro molto diverse mi impone una versatilità elevata che da sempre mi arricchisce. Sicuramente tra le mete Newyork è la più stimolante , anche se personalmente al primo posto metto Londra, che in assoluto mi da più energia e questo continuo dialogo tra storia tradizione ed avanguardia mi affascina e mi ci riconosco poiché sono gli elementi basilari di ogni mia progettazione .

Dove nascono le idee , attraverso i viaggi ?

Partire dalla storia del territorio dove opero per poi trasformarlo in linguaggio contemporaneo.sono molto rari i Momenti in cui non lavoro, trattandosi di attività intellettuale sono sempre connesso con quanto mi circonda.

Chi e’ Del vaglio quando non lavora ?

Le cose che amo di più , vista la mia vita movimentata , è trascorrere del tempo con gli amici ai quali adoro preparare delle deliziose cenette, dove dall’apparecchiatura all’impiattamento la parola d’ordine rimane sempre DESIGN C’è anche un grande progetto in ballo anche per te , relativo ad un libro ... Si , il 12 Dicembre sarà presentato a Sofia nella più prestigiosa Galleria d’arte il mio nuovo nuovo libro interamente dedicato al mio primo grande lavoro in Bulgaria realizzato ben 10 anni fa. Il testo scritto a quattro mani da Nicoletta del Buono e Riccardo Bianchi con le straordinarie foto di Giorgio Baroni, ma soprattutto grande onore per me con la prefazione del Direttore di Architectural Digest le case più belle del mondo Arch Ettore Mocchetti che ringrazio enormemente. Il libro uscirà in tre lingue italiano bulgaro ed inglese

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password