Firenze: rifugiati sfilano in passerella

A Pitti Uomo i migranti hanno sfilato con le modelle

pubblicato il 19/01/2016 in Costume e società da Valentina Roselli
Condividi su:
Valentina Roselli

Firenze ha ospitato  il suo biennale Pitti Uomo. Imperdibile per tutti  gli amanti e professionisti della moda maschile, lo spettacolo è stato teatro di una parata non proprio come le altre.  Invece di modelli professionali, sono stati fatti sfilare davanti alle telecamere  i richiedenti asilo  che hanno mosso il loro primo passo nel mondo della moda .  Ragazzi dai  19 ai 27 anni, dal Mali e Gambia, per iniziativa di Ethical Fasono diventati le stelle del giorno, loro identità è stata protetta ovviamente  e si sono trasformati in modelli apprendisti, addestrati dai loro colleghi esperti. Per l’occasione hanno indossato  la linea di abbigliamento disegnata dalla crema degli stilisti africani. KJP, Ikire Jones, Lukhanyo Mdinigi Nicola Coutts e U.Mi x-1


Uno degli ideatori dell’iniziativa  Simone Cipriani, fondatore di Ethical Fashion, spiega che i migranti sono una risorsa e che  la loro'immagine agli occhi del pubblico dovrebbe migliorare: "Se prendo un richiedente asilo e gli faccio indossare un bell’abito  la gente lo vedrà come un loro  pari, non come qualcuno che vale meno di loro " ha dichiarato.

Per questo motivo  Ethical Fashion  ha in programma nel prossimo futuro la creazione di un centro di formazione per i rifugiati e gli immigrati in Italia, in modo che possano lavorare nel settore della moda e avere l'opportunità di tornare a casa ad avviare un'attività in proprio ",
 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password