L'agente Fabio Tortosa: Non sono un torturatore

Nessuna violenza gratuita fa sapere il poliziotto che ha sollevato le polemiche sulla Diaz

pubblicato il 16/04/2015 in Attualità da Valentina Roselli
Condividi su:
Valentina Roselli

A tutti coloro che lo accusano insultandolo pesantemente dopo quanto scritto sulla sua pagina FB il nove aprile ("Io sono uno degli 80 del VII Nucleo. Io ero quella notte alla Diaz. Io ci rientrerei mille e mille volte") l’agente Fabio Tortosa risponde con queste parole “Sono un servitore dello Stato orgoglioso di questa professione, non un torturatore."

L’agente Tortosa  ritorna sulla vicenda tramite un messaggio del Consap,  Confederazione Sindacale Autonoma di Polizia,  di cui è uno dei  dirigenti  “Io ero alla Diaz quella notte in cui fummo allertati durante la cena, sono entrato in quella scuola non ho picchiato nessuno volontariamente, non ho ecceduto nell’uso nella forza ma ho posto in essere tutte le azioni prevista dai protocolli operativi, come me lo stesso hanno fatto i miei compagni. Se dire questo ha disturbato qualcuno  ne prendo atto. Per quanto riguarda il profilo sul social con il post diffuso a scoppio ritardato, l’ho rimosso personalmente per stroncare sul nascere ogni ulteriore strumentalizzazione".

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password