Papa Francesco agli insegnanti: «Anche se siete malpagati, vedete crescere le persone affidate alla vostra cura»

Il messaggio del Pontefice in occasione del 70esimo anniversario della nascita dell'Uciim

pubblicato il 14/03/2015 in Attualità da Angela Menna
Condividi su:
Angela Menna

In occasione del 70esimo anniversario della fondazione dell'Unione Cattolica Insegnanti Medi, ecco le parole pronunciate da Papa Francesco durante l'udienza: «Insegnare è un lavoro bellissimo, peccato che gli insegnanti siano malpagati: è una ingiustizia. Nel mio Paese, i poveri insegnanti, per avere uno stipendio che sia utile, debbono fare due turni. E mi chiedo: un insegnante come finisce dopo due turni?».

«La scuola - ha aggiunto il Pontefice - non deve respingere 'gli studenti 'difficili', quelli che non vogliono studiare, quelli che si trovano in condizioni di disagio, i disabili e gli stranieri, che oggi sono una grande sfida. Gesù direbbe: se amate solo quelli che studiano, che sono ben educati, che merito avete?»

Rivolgendosi agli insegnanti ha detto: «Anch'io sono stato insegnante come voi e conservo un bel ricordo delle giornate passate in aula con gli studenti. Insegnare è un lavoro bellissimo, anche se siete malpagati, perché consente di veder crescere giorno dopo giorno le persone che sono affidate alla nostra cura. E' un po' come essere genitori, almeno spiritualmente».  

 

 

 

 


 

 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password