Bambino autistico escluso dalla comunione

Sacerdote nega il sacramento: “Non lo capisce”

pubblicato il 12/03/2015 in Attualità da Veronica Murru
Condividi su:
Veronica Murru

Venezia. A poche settimane dalle prime comunioni, un bambino autistico viene escluso dal parroco del paese. Il sacerdote ritiene che il piccolo non sia idoneo a prendere il sacramento perché non capisce il suo significato. La madre si è rivolta ad un prete di un altro paese, che ha accettato di concedere il sacramento al ragazzino autistico.

Non è idoneo a ricevere la Comunione” - sono queste le parole di un parroco di un paese in provincia di Venezia. L'uomo di Chiesa ha giustificato la sua scelta dicendo che il malato non lo capisce. Così il bambino autistico, nonostante abbia frequentato il catechismo con i suoi coetanei, si trova a rischiare di non ricevere il sacramento, a distanza di un mese circa dalla cerimonia. La madre indignata del comportamento del curato, si è rivolta ad un sacerdote di un paese vicino e questo ha accettato senza remore il suo incarico.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password