Partecipa a Notizie Nazionali

Sei già registrato? Accedi

Password dimenticata? Recuperala

Sopravvissuta ad Auschwitz adotta il nipote di un nazista

Eva Mozes Kor, ebrea sopravvissuta ai campi dis terminio ha adottato il nipote di un nazista

Condividi su:

Questa è una storia di perdono di dolore e  gioia. Quella di Eva Mozes Kor, sopravvissuta ad Auschwitz  e del suo nipote adottivo Rainer Hoess, nipote di Rudolf Höss, comandante del campo nel momento in cui lei era prigioniera. Una storia da far conoscere nel   settantesimo anniversario della liberazione di Auschwitz.
Ebrea rumena, Eva Mozes Kor ha sperimentato l'inferno di Auschwitz con la  sorella gemella Maria.  Sapeva degli esperimenti condotti su gemelli da Joseph Mengele, l’Angelo della Morte, che una volta disse guardandola"Che peccato  così giovane, con sole due settimane di vita."  Sopravvissuta  nonostante tutto, ha avuto la forza di ricostruire la sua vita, prima nella nativa Romania poi in Israele e infine negli Stati Uniti.

Rainer Hoess, ha vissuto la vergogna di crescere in una famiglia di ex nazisti, con la quale ha tagliato ogni contatto  nel 1985. Ha detto che  se  suo  nonno avesse  avuto una tomba   ci avrebbe urinato sopra.  E 'stato lui a contattare Eva, dopo aver sentito parlare di  una sua lettera in cui affermava che, dopo un grande lavoro su se stessa, era riuscita a perdonare  i nazisti per il loro crimine. Rainer ha poi chiesto Eva  di  diventare simbolicamente il suo nipote adottivo. 
Eva, prima  dubbiosa, ha finalmente accettato dopo averlo  incontrato ad Auschwitz  è  rimasta affascinata dalla sua intelligenza, coraggio e  gentilezza, "che gli hanno permesso di diventare un essere umano decente" come ha poi dichiarato successivamente.  Oggi, c'è un vero e proprio cameratismo tra di loro e una grande affettuosa comprensione reciproca,   Persone provenienti da luoghi diversi , storie diverse , la prima dalle  vittime, il secondo dai carnefici eppure si chiamano  nonna e nipote, e questo può essere davvero un grande  segno  di  speranza. 
 

Condividi su:

Seguici su Facebook