Madre lascia la figlia neonata all'ospedale nella culla termica

Firenze: primo utilizzo della Nuova Ruota inaugurata 2 anni fa.

pubblicato il 04/01/2015 in Attualità da Veronica Murru
Condividi su:
Veronica Murru

È successo la mattina del 2 gennaio a Firenze: una donna ha lasciato una neonata nella culla riscaldata installata presso l'ospedale di Careggi. Trovata dai medici, la bimba è stata ricoverata in terapia intensiva, ma le sue condizioni di salute sembrano buone.

Due anni fa, dopo l'ennesimo abbandono di neonati, all'ospedale Careggi di Firenze era stata predisposta una culla termica igienizzata per accogliere i neonati che, per un motivo o per un altro, non possono essere tenuti dai genitori e questi non hanno il coraggio di dichiararlo apertamente. L'intento era quello di evitare l'abbandono in strada o nei cassonetti al freddo e in condizioni igieniche spesso mortali per i neonati. La Nuova Ruota da allora non era mai stata usata, nonostante per legge è garantito il totale anonimato del genitore che decide di dare in adozione il figlio “indesiderato”. La svolta qualche giorno fa, quando una donna ha lasciato una neonata all'interno della culla sita nell'ospedale fiorentino, consentendo alla piccola di sopravvivere e trovare una famiglia adottiva in totale sicurezza. La struttura è un'area di accoglienza attrezzata e riscaldata per i neonati abbandonati, che rientra nel progetto Ninna Ho, messo in atto dalla fondazione Francesca Rava insieme a Network kpmg. In Italia rappresenta il primo progetto che realizza strutture dirette alla tutela dell'infanzia contro l'abbandono neonatale. L'iniziativa non ha ridotto il numero di infanticidi o di abbandoni in strada, però si spera che l'utilizzo fatto questi giorni sia l'inizio di una presa di coscienza delle madri che decidono di non tenere con se il neonato, garantendogli comunque la sopravvivenza. Intanto la neonata lasciata nella Nuova Ruota di Firenze sta bene. È stata notata dal personale medico, grazie alle telecamere disposte sulla culla, portata in terapia intensiva, in condizioni buone. Ora, tra le attenzioni dei pediatri e infermieri del reparto maternità del Careggi, aspetta una casa dove essere accettata e soprattutto amata.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password