A Milano giovane aggredito con acido dalla ex

Ragazzo di 22 anni aggredito per strada da un uomo e una donna che gli hanno gettato dell'acido addosso provocandogli diverse ustioni. Entrambi sono stati presi dai carabinieri. Lei dice: "mi molestava su facebook"

pubblicato il 29/12/2014 in Attualità da Lucia Di Candilo
Condividi su:
Lucia Di Candilo

Pietro Barbini, 22 anni, è stato aggredito mentre passeggiava per le vie di Milano da un uomo e una donna che gli avevano precedentemente dato un appuntamento con la scusa di consegnargli un pacco. All'improvviso la donna ha lanciaro contro il ragazzo un secchio contenete acido, che ha provocato gravi ustioni al ragazzo, salvatosi grazie all'intervento del padre che l'ha subito trasportato al pronto soccorso di Niguarda. I carabinieri hanno fermato i due aggressori e hanno scopero che la donna era l'ex del ragazzo aggredito.

La ragazza che aveva organizzato tutto era la sua ex: aveva ingaggiato Barbini con la scusa di dargli un pacco invece l'ha aggredito con l'aiuto di un'uomo: lei gli ha gettato dell'acido addosso e l'uomo ha cercato di colpirlo con un martello. Fortunatamente ad intervenire tempestivamente è stato il padre del ragazzo aggredito che ha fermato l'uomo mentre la donna si dava alla fuga. Il giovane è stato colpito dall'acido al volto, all'addome e agli arti inferiori ma le sue condizioni non sono gravi. I soccorritori del 118 lo hanno subito trasportato al pronto soccorso di Niguarda mentre gli aggressori sono stati presi e su di loro grava l'accusa di lesioni gravissime. 

Il movente dell'aggressione sarebbe stato, secondo la giovane, una ritorsione nei confronti dell'ex ragazzo che continuava ad infastidirla su facebook nonostante la loro relazione fosse finita ormai da tempo. Martina Levato, studentessa 23enne presso l'universita Bocconi di Mlano, ha aggredito il suo ex fidnzato facendosi aiutare dal suo attuale compagno, Alexander Boettcher, 30enne impiegato presso la Borsa per una società immobiliare. Il giudice ha convalidato l'arresto per i due ed ha disposto la custodia cautelare in carcere.

In casa dell'attuale compagno della ragazza, nato in Germania ma residente a Milano da anni, è stato trovato dai carabinieri dell'acido e un bisturi. Boettcher è sposato e, oltre alla relaziono con la Levato, sembra averene diverse con altre ragazze. Quando gli investigatori gli hanno chiesto a cosa gli servisse l'acido e il bisturi, Boettcher ha risposto che lo utilizza per incidere il suo nome sul corpo delle ragazze che lo desiderano. La levato, infatti, sul volto ha una cicatrice a forma di "A" che si è lasciata incidere dall'uomo in segno di "eterna fedeltà". 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password