Maxi sequestro di elastici per braccialetti tossici

Padova: la Guardia di Finanza di Padova ha bloccato una rivendita di elastici dal valore d 10 mila milioni di euro. Denunciato un cinese.

pubblicato il 17/12/2014 in Attualità da Veronica Murru
Condividi su:
Veronica Murru

Sono stati posti sotto sequestro 170 milioni di elastici tossici che sono usati generalmente da bambini e ragazzi per creare dei braccialetti colorati alla moda. È stato denunciato un cinese che è ritenuto il responsabile dello scarico della merce nociva al mercato cinese di Padova.

Ammonta a circa 10 mila milioni di euro il valore della merce sequestrata ieri dalla Guardia di Finanza di Padova  nei mercati della provincia di Padova, Treviso, e Venezia. Le indagini sono iniziate quando il nucleo della Polizia tributaria di Padova aveva trovato, nell'Ingrosso Cina della città, quantità ampie di merce non recante la nota informativa, senza indicazioni di provenienza in Italiano e con il marchio Ce contraffatto. Un cinese di 27 anni, abbastanza conosciuto,  è stato denunciato per aver invaso il mercato di elastici tossici. Dalle analisi ordinate dalla Camera di Commercio di Padova ed eseguite nei laboratori dell'Istituto di Sicurezza dei giocattoli di Como, si è rilevato che gli elastici contengono quantità molto elevate di Ftalati, 100 volte più del limite massimo previsto. Le indagini intanto proseguono per capire il giro di produzione di merci contraffatte e altamente pericolose.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password