Svolta sull'omicidio a Milano: cercasi due testimoni

Dalle immagini riprese da alcune telecamere, ci sarebbero da fare nuovi possibili interrogatori.

pubblicato il 10/10/2014 in Attualità da Veronica Murru
Condividi su:
Veronica Murru

Era accaduto nell'autunno del 2012. Erano le 19:21 del 21 novembre quando il broker assicurativo, Diego Preda, perse la vita dopo essere stato sparato alla nuca da un uomo di cui non si conosce l'identità e che è ancora a piede libero. Si trovava a Milano in via Mosè Bianchi dopo una giornata di lavoro, e da quel momento le indagini non hanno portato a nulla. Nessuna notizia è stata ottenuta circa l'identità dell'assassino o sul movente.

A distanza di due anni dall'accaduto, la Squadra mobile di Milano con a capo Alessandro Giuliano, ha diffuso la notizia che potrebbe esserci una volta, o quanto meno delle ulteriori informazioni che saranno utili ai fini delle indagini. Dai fotogrammi ripresi dalle telecamere, posizionate in certi punti della strada dove è stato assassinato il 69enne lombardo, si vede per la prima volta l'assassino mentre segue la vittima e poi scappa verso la stazione della metropolitana di Amendola Fiera. Dalle immagini però non si riconoscono i suoi tratti che permetterebbero di identificarlo. D'altra parte il video rappresenta un elemento in più per ottenere una ricostruzione dei fatti più attendibile. La svolta però potrebbe arrivare dalla testimonianza di due uomini che erano presenti quel fatidico giorno dell'omicidio. Uno dei due testimoni transitava nella stessa via due minuti dopo l'omicidio con una felpa azzurra e jeans. Diverse ore prima si trovava sempre nella stessa strada al telefono. Questo fa presumere che sia un frequentatore del posto . Il secondo testimone invece è stato ripreso dalle telecamere della banchina della fermata della metropolitana. Aveva un giubbotto in pelle nero e una sciarpa chiara. Porrebbe aver incrociato l'assassino, prima o dopo aver compiuto il delitto. Ora si attende di venire in contatto con i testimoni per arrivare ad una vera ed importante svolta sul caso.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password