Partecipa a Notizie Nazionali

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Rubato quadro del Palladio del Maganza

Vicenza: furto a Villa Valmarano ai Nani. Parte l'indagine.

Condividi su:

È stato rubato un quadro del Maganza a Vicenza, nella villa Valmarano ai Nani, situata sulla falde del monte Berico.
Non si conosce l'identità dei ladri, però si presume siano dei dilettati, infatti l'opera avrebbe più un valore simbolico che commerciale. Intanto sono in corso le indagini.

Nella notte del 2 ottobre in una villa settecentesca di Vicenza, Valmarano a Nani, è avvenuto il furto de “Il ritratto del Palladio” ad opera di sconosciuti, i quali si presume non abbiano fatto il colpo su commissione. Non si esclude, comunque per ora, nessuna ipotesi. I delinquenti hanno staccato il quadro dalla parete alla quale era appeso e lo hanno portato via. Ieri mattina sono stati compiuti i rilievi della polizia scientifica della questura.
Il quadro.
Il ritratto del Palladio è un quadro famoso del pittore del '500 Giovanni Battista Maganza, chiamato anche Magagnò. Era noto per i suoi ritratti di patrizi vicentini, tra cui quello di Andrea Palladio, pseudonimo di Andrea Di Pietro, architetto e scenografo che progettò molte ville vicentine.
La villa.
Villa Valmerano ai Nani è una struttura veneta settecentesca, residenza della famiglia Valmarano, ma aperta anche al pubblico, celebre per gli affreschi di Gianbattista Tiepolo e del figlio Giandomenico.  L'appellativo ai Nani si riferisce alle statue di nanetti in pietra ora allineati al muro di cinta della villa, invece precedentemente erano sparsi per il giardino. Esiste una leggenda riguardo alla presenza delle statue. La figlia del del signore della villa pare fosse nana e i genitori avevano deciso di assumere solo servitù affetta da nanismo, per non far capire alla figlia di avere quel difetto fisico. Quando un giorno un principe entrò nella tenuta, la ragazza realizzò di essere nana e decise di buttarsi dalla torre della villa. La leggenda narra che i nani della servitù restarono pietrificati dal dolore e che tutt'oggi sorveglino il sonno della ragazza morta suicida.

Condividi su:

Seguici su Facebook