Allerta atti terroristici in Vaticano

A San Pietro aumenta la sicurezza; indagati 40 curdi di origine turca

pubblicato il 19/09/2014 in Attualità da Veronica Murru
Condividi su:
Veronica Murru

La notizia sarebbe arrivata da fonti attendibili del Quirinale, sostiene l'Ansa, e riguarda la possibilità che si verifichino degli atti terroristici contro il Pontefice e il Vaticano. Per questo motivo sono stati raddoppiati i controlli nell'area attorno a piazza S. Pietro. Le indagini in corso vertono su 40 persone, curdi residenti in Italia ma di origine turca.

Lo schieramento dell'ispettorato di polizia vaticano è stato rafforzato con delle pattuglie della Digos e della Squadra Mobile. Motivo: controllare gli accessi a piazza San Pietro, soprattutto in occasione dell'Angelus della domenica. Si è ribadito che non ci saranno ostacoli per i fedeli che vorranno partecipare, e che è solo una precauzione in seguito a delle informazioni che hanno acceso i sospetti di possibili atti terroristici. Tra gli indagati curdi quasi tutti della Turchia, alcuni sono residenti a Milano e nelle vicinanze. Sono accusati del reato di associazione con fini terroristici internazionali, come risulta dall'art 270 bis del codice penale. L'associazione, alla quale si sarebbero uniti i 40 curdi sotto indagine, è la Pkk, ovvero il partito dei lavoratori del Kurdistan, con palesi scopi di violenza e terrorismo. L'inchiesta è coordinata dal pm di Milano, Elio Romandini e viene diretta dai carabinieri che hanno notificato, pochi giorni fa, l'avviso di conclusione delle indagini. Al momento non ci sono ulteriori informazioni dall'intelligence circa possibili attacchi terroristici, e l'avvocato delle 40 persone accusate, si dice dubbioso circa l'opportunità di queste indagini, visto che ai curdi in Iraq, l'Italia da tutto l'appoggio morale e rifornimento bellico. È tranquillo invece Padre Federico Lombardi, il quale non ha notato un particolare rafforzamento nelle forze di sicurezza, non tanto diverse da quelle delle domeniche dell'Angelus.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password