Veterinari e biologi da tutta la penisola per i capodogli spiaggiati in Abruzzo

primi esami per i cetacei di Punta Penna

pubblicato il 14/09/2014 in Attualità da Daniele Del Casino
Condividi su:
Daniele Del Casino

Tirate a riva le carcasse dei tre capodogli che facevano parte di un branco di sette arenatosi ieri sulla spiaggia di Punta Penna a Vasto, nella Riserva naturale di Punta Aderci.

Per adagiarle sulla sabbia sono state usate pale meccaniche.Sono tre femmine; una aveva raggiunto la maturità sessuale ed era gravida. Dal ventre dell'animale è stato estratto un feto di 4/5 mesi, che verrà donato al Museo del Mare di Pescara.Le loro lunghezze vanno dai 7 metri e 30 centimetri agli 8 metri e 90.La zona, interdetta dal sindaco di Vasto, è stata sorvegliata nella notte dai volontari della Protezione Civile.L'ispezione interna ed esterna viene condotta nello stesso tratto di spiaggia in cui si sono arenati gli esemplari. La coordina Sandro Mazzariol, del Cert (Cetacean stranding Emergency Response Team) dell'Università di Padova, affiancato da esperti della stessa università, dell'Istituto Zooprofilattico Sperimentale d'Abruzzo e Molise 'Giuseppe Caporale' e del Centro studi Cetacei onlus. continua a leggere...

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password