Il terremoto colpisce il Lago di Garda

le scosse telluriche avvertite in molte zone del nord Italia

pubblicato il 29/08/2014 in Attualità da Daniele Del Casino
Condividi su:
Daniele Del Casino

Due scosse di terremoto, la prima di 4.0 e la seconda di magnitudo 2.6 , hanno colpito la zona del Lago di Garda, tra le province di Brescia e Verona questa sera alle 19,50. L'epicentro delle scosse è stato individuato al centro del Lago di Garda, nella zona di Gargnano ad una profondità di 2,6 chilometri per la prima e più forte scossa mentre la seconda è avvenuta intorno alle 20,26, ad una profondità di 9,2 chilometri.
Paura e apprensione per la popolazione delle zone più vicine al sisma, che in molti casi sono scese in strada dopo la prima scossa, con i centralini dei Vigili del Fuoco che hanno ricevuto moltissime chiamate di soccorso e che insieme al dispositivo della Protezione Civile regionale hanno disposto un piano di emergenza per raggiungere le zone colpite in caso di necessità ma che al tempo non hanno registrato, dopo le necessarie verifiche, danni a persone o cose. Le scosse telluriche, di cui la prima è stata preceduta da un forte boato, tipico dei sismi superficiali, sono state distintamente avvertite oltre che nelle province di Brescia e Verona anche a Bergamo, Vicenza, Trento e in maniera lieve anche a Milano, con il conseguente allarme da parte di molti abitanti. Nella giornata un'altra scossa di terremoto, di magnitudo 2.7, era stata avvertita alle 13.30  anche nella provincia di Bolzano, in località Valdidentro, anche questa per fortuna senza conseguenze. 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password