Partecipa a Notizie Nazionali

Sei già registrato? Accedi

Password dimenticata? Recuperala

Ucraina sull'orlo della guerra civile, i filorussi prendono in ostaggio 60 persone

Qualche ora prima i reparti speciali antiterrorismo avevano arrestato 70 indipendentisti

a cura della redazione
Condividi su:

I separatisti filo-russi hanno piazzato esplosivi in uno degli edifici governativi occupati a Lugank, nell'est dell'Ucraina, e hanno preso 60 persone in ostaggio. Lo hanno riferito fonti dei servizi di sicurezza ucraini. Si tratta dell'edificio che ospita la sede locale dell'unita' antiterrorismo dell'intelligence di Kiev (Sbu), occupato domenica scorsa di filorussi. «Il palazzo è stato minato, circa 60 persone sono state prese in ostaggio e sono minacciate con armi ed esplosivi», si legge in un comunicato.

L'azione dei filorussi arriva dopo l'azione dei reparti speciali ucraini che hanno arrestato circa 70 persone accusate di terrorismo. Queste sarebbero state fermate perché starebbero alimentando le fila del fronte indipendentista. 
La tensione però è alta anche a Sud. Nella notte appena passata a Micolaiv sono scoppiati scontri tra filorussi e sostenitori dell'attuale governo. Il bilancio è di 15 persone ferite e 20 arresti.
L'Osce nella giornata di ieri aveva avvertito sul rischio concreto di cadere nella guerra civile.

Condividi su:

Seguici su Facebook