Partecipa a Notizie Nazionali

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Assicurazione auto: sempre più nel segno della Smart Mobility

Condividi su:

La digitalizzazione e l’ecologia sono due temi al centro delle notizie nazionali da diverso tempo e, ancora di più, al giorno d’oggi. Si tratta di fattori centrali che coinvolgono molteplici settori, incluso quello della mobilità.

Il ramo assicurativo naturalmente non fa eccezione, anche perché si occupa di tutelare le esigenze delle persone, fornendo risposte concrete in caso di imprevisti. 

L’assicurazione auto, che fin dalla sua introduzione rappresenta non solo qualcosa di obbligatorio per legge, ma anche un elemento necessario per il semplice buon senso, negli ultimi anni sta conoscendo formulazioni sempre più innovative nel segno di uno dei fenomeni più interessanti degli ultimi tempi, appunto, la Smart Mobility

In questo articolo vi raccontiamo come una semplice polizza per l’autovettura abbia il potere di influire in maniera positiva all’interno della nuova concezione della mobilità. Si tratta di una tutela al passo con i tempi e valida in particolare per chi ha più di un veicolo e utilizza diversi tipi di mezzi per gli spostamenti.

Cosa copre normalmente una polizza auto

Quando si parla di assicurazione auto, si fa riferimento a una forma di tutela fondamentale per ottenere una protezione adeguata in caso di imprevisti alla guida. L’assicurazione è in grado di offrire un risarcimento nel caso vengano effettuati dei sinistri entro i limiti del massimale predisposto durante l’attivazione del contratto.

La RCA si interessa di assicurare l’adeguata copertura ai danni che il veicolo della persona a cui è intestato causa a persone, cose e animali. Sono interessati sia i passeggeri che si trovano in quel momento a bordo, sia il proprietario (salvo diversa specificazione nel contratto).

Fondamentale, come abbiamo accennato, è verificare che il massimale sia adeguato, dal momento che se superato sarà l’assicurato a trovarsi a corrispondere la somma restante, attingendo direttamente al patrimonio personale.

Un discorso che accade sovente nelle polizze in cui viene predisposta la sola franchigia: una clausola che presenta sì un basso costo, ma offre una tutela altrettanto ridotta.

Un’assicurazione a prova di Smart Mobility

Oggi l’RCA è pensata da alcune compagnie assicurative in maniera tale da considerare che i mezzi coinvolti negli spostamenti nella quotidianità sono molteplici.

Ci riferiamo a soluzioni che trovano spazio proprio all’interno della Smart Mobility, la nuova frontiera della Sharing Economy inserita all’interno di un concetto già in fase di attuazione: quello della Smart City.

L’obiettivo della Smart Mobility è di consentire di ottenere flussi e movimenti non solo efficienti, ma anche con un impatto minore sull’ambiente e quindi, per dirlo in parole semplici, meno inquinanti.

Allo stesso tempo, la Smart Mobility dà luogo a una serie di dati che permettono a chi gestisce la mobilità parametri per indirizzarla al meglio. Ma entriamo nel concreto: vediamo come viene attuata.

Come funziona la Smart Mobility

All’interno di questo sistema, gli spostamenti avvengono sempre più attraverso mezzi che presentano un basso impatto ambientale. Se pensate che siamo ancora lontani da questo obiettivo, non è poi così vero. 

Lo confermano i dati sulle vendite delle automobili, che vedono al primo posto in Italia sempre la Fiat Panda, ma nella versione mild hybrid. Le auto ecologiche sono una delle nuove frontiere della motorizzazione e della mobilità, non stupisce, quindi, il successo di quelle ibride.

Allo stesso tempo, sono promosse, nella Smart Mobility, abitudini e pratiche quali car sharing, uso della bici, del monopattino, dei mezzi pubblici: mezzi di trasporto a cui si affianca quello dell’automobile privata.

Una versatilità che trova riscontro spesso nell’arco delle stesse 24 ore, motivo per cui le RCA più all’avanguardia hanno pensato a proporre assicurazioni omnicomprensive. Si tratta di formule che riguardano l’intestatario della polizza e al contempo le altre persone che si trovano così tutelate ogni giorno durante lo spostamento, in particolare i familiari.

I vantaggi 

I vantaggi di un’assicurazione pensata nel segno della Smart Mobility sono a tutto tondo, a cominciare dal fatto che la persona e coloro che si trovano inseriti all’interno della tutela sono protetti quando si trovano a viaggiare in auto, così come su altri mezzi e con altre soluzioni.

Inoltre, i veicoli all’avanguardia presentano dispositivi di geolocalizzazione funzionali al tracciamento e all’identificazione. Una misura utile sia per certificare comportamenti virtuosi alla guida dell’auto, sia nel segno della disponibilità ulteriore a garantire il suo ritrovamento in caso di furto.

Condividi su:

Seguici su Facebook