Palazzo Chigi, revocata espulsione di Alma Shalabayeva

L'oppositore "Grazie, ma temo che il regime non faccia tornare mia figlia e mia moglie in Italia"

pubblicato il 13/07/2013 in Attualità
Condividi su:

Il provvedimento di espulsione di Alma Shalabayeva è stato revocato. "A seguito della revoca del provvedimento di espulsione, che verrà immediatamente  resa nota alle autorità kazake attraverso i canali diplomatici, la signora Shalabayeva potrà rientrare in Italia, dove potrà chiarire la propria posizio-
ne". E' quanto si legge in una nota di Palazzo Chigi.  Per il governo "è grave la mancata informativa" sulla vicenda che "presentava dall'inizio elementi e caratteri non ordinari. Tale aspetto sarà oggetto di indagine da parte del capo della Polizia al fine di accertare responsabilità connesse alla mancata informativa".

"Grazie per questa decisione coraggiosa, ma adesso temo che il regime di  Nazarbaev reagirà mandando mia moglie Alma in prigione e la mia bambina Alua all'orfanotrofio",impedendo che possano tornare in Italia. Con queste parole, contenute in un 'messaggio al presidente del Consiglio' Enrico Letta pubblicato dal quotidiano La Stampa, l'oppositore kazako Mukhtar Ablyazov esprime tutta la gratitudine nei confronti dell'Italia per la revoca dell'espulsione dei suoi familiari, ma anche il timore
per quanto potrebbe accadere alla moglie e alla figlia.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password