Gli italiani sono fedeli nella coppia?

pubblicato il 12/01/2022 in Attualità
Condividi su:

Gli Italiani, storicamente, hanno fatto della “fedeltà coniugale” una sorta di bandiera da esibire con orgoglio, complice anche la consolidata e radicata “cultura cristiana”. Col passare del tempo, però, questo aspetto sembra sempre venir meno. Se sia testimone di un miglioramento o peggioramento della società italiana, non è dato sapersi. O perlomeno, la risposta che si fornisce è individuale e soggettiva.

Di certo, però, i numeri inquadrano come questo sia fenomeno sia letteralmente esploso negli ultimi vent’anni, quelli, come noto, segnati dall’ascesa di Internet e dalla possibilità di poter ampliare il proprio raggio di conoscenze grazie ad esso, trovando il mondo di stringere amicizie con uomini, donne e, perché no, trans Torino, cercando di vivere pienamente la propria affettività.

Italiani, popolo più fedifrago d’Europa: spagnoli e francesi completano il podio

In base ad un recente sondaggio condotto in tutto il Vecchio Continente, gli italiani sono risultati il popolo europeo più fedifrago: si stima che quasi il 70% abbia tradito il/la partner negli ultimi ventiquattro mesi. Un dato nettamente superiore ai cittadini spagnoli (60%, secondo popolo più fedifrago) e francesi (57%), che testimonia, tangibilmente, come la società italiana sia mutata nel corso del tempo e si sia scoperta più libertina.

Negli ultimi decenni, un dato, più di altri, balza agli occhi leggendo i dati di questo sondaggio: un netto incremento dei tradimenti delle donne, che sono, percentualmente parlando, leggermente inferiori rispetto al genere maschile. Un “gap” che è andato via via scemando col passare degli anni, che oggi ha creato una sorta di “parità di genere” in ambito fedifrago.

 Le motivazioni che spingono una donna a tradire sono molteplici. Circa il 50% delle donne dichiara di tradire semplicemente perché prova attrazione nei confronti di un altro uomo, mentre nella platea maschile l’attrazione è il motivo principale nei due terzi dei tradimenti. La molla principale che spinge una donna a tradire, però, è sempre la stessa: mancanza di attenzioni da parte del proprio partner.

La maggior parte delle donne, pur ammettendo di provare attrazione per un uomo, dichiara di non tradire qualora si sentisse soddisfatta dal proprio partner. Le mancanze che vengono attribuite agli uomini sono le più svariate. Alcune donne, infatti, tradiscono perché non si sentono appagate sessualmente, altre, invece, decidono di tradire anche se il partner è un ottimo amante.

L'identikit dell’italiano che tradisce: colto ed economicamente stabile

A spingere al tradimento, in questo caso, sono - a detta delle donne stesse - lacune dal punto di vista caratteriale o affettivo, oppure una mancanza o eccessiva dolcezza. In buona sostanza, la mente di una donna, come scientificamente dimostrato, è molto più elaborata e complessa rispetto a quella di un uomo. E le motivazioni per le quali tradiscono, di conseguenza, sono più sottili e raffinate.

Un ulteriore approfondimento dei dati elaborati da questo sondaggio, poi, ci consente di tracciare una sorta di “identikit” dell’italiano che tradisce.   Nella maggior parte dei casi, si tratta di soggetti dal profilo economico e sociale medio-alto. Non c’è da stupirsi, di conseguenza, se nelle prime posizioni sono presenti liberi professionisti, imprenditori e dirigenti, anche se il fenomeno, ad onor del vero, si estende a macchia di leopardo 

Il grado di istruzione è indubbiamente variegato, anche se qualche considerazione di tipo psicologico può essere desunta. In linea di massima, i laureativivono il tradimento in maniera meno frustrante, cogliendolo come un aspetto che, giocoforza, fa parte della vita e della nostra quotidianità, mentre i soggetti con un livello di istruzione più basso tendono soventemente a provare un senso di vergogna

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password