Omofobia: Dessena non baratta "il buon senso" per la Nazionale

Vittima di insulti per aver sostenuto la campagna contro l'omofobia, Dessena "rifiuta" la chiamata di Prandelli

pubblicato il 07/03/2014 in Attualità da Davide Zedda
Condividi su:
Davide Zedda

Il centrocampista del Cagliari Daniele Dessena, ospite della trasmissione televisiva “Dentro la notizia” andata in onda ieri sera su Videolina, è rimasto stupito e tuttora lo è per gli insulti ricevuti sul web dopo aver aderito alla campagna contro l’omofobia indossando i laccetti colorati sugli scarpini da gioco. “Non immaginavo di subire tutti quegli attacchi” – ha dichiarato Dessena – che poi ha aggiunto:

“I miei genitori mi hanno insegnato il rispetto. Quando mi è stato proposto di aderire alla campagna contro l'omofobia, indossando durante la partita contro l'Inter, le scarpe con i lacci arcobaleno, simbolo della battaglia, non ci ho pensato su due volte. Vedere quei commenti da ignoranti non è stato piacevole". Infine sulla Nazionale:

"Se mai dovessi arrivare a vestire la maglia azzurra spero sia per i miei meriti in campo e non per un'iniziativa di buon senso".

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password