Romania: Economia cresce del +6% per anno 2021 dati FMI

Articolo di giornalismo partecipativo pubblicato il 18/04/2021 in Attualità da costel pezzetta
Condividi su:
costel pezzetta

Il Fondo monetario internazionale (FMI) ha notevolmente migliorato le sue stime sull'evoluzione dell'economia rumena, che registrerebbe un anticipo del 6% quest'anno, e in Europa sarà superata solo dalla Spagna, che registrerà una crescita economica del 6,4 %, mostra l'ultimo rapporto "World Economic Outlook", pubblicato martedì dall'istituto finanziario internazionale.

Se nell'ottobre dello scorso anno il Fmi ha stimato che la Romania registrerà un aumento del 4,6% nel 2021, secondo le nuove previsioni pubblicate martedì, il prodotto interno lordo della Romania aumenterà del 6% quest'anno. Il FMI ha anche migliorato le sue stime per il 2022, con un anticipo del 4,8%, rispetto a un aumento del 3,9% previsto nell'ottobre dello scorso anno. Secondo queste stime, le performance dell'economia rumena saranno, sia nel 2021 che nel 2022, superiori alla media europea del 4,5% quest'anno e del 3,9% l'anno prossimo.

Le autorità rumene hanno costruito il bilancio statale per l'anno in corso, contando su una crescita economica del 4,31%.

A fine marzo, anche la Banca Mondiale ha migliorato le proprie stime sull'evoluzione dell'economia rumena, indicando un avanzamento del PIL del 4,3% per quest'anno, rispetto alle stime precedenti, pubblicate a gennaio, che contavano su un aumento del 3,5% nel 2021 .

per quanto riguarda l'inflazione, il FMI ha rivisto al rialzo le stime, mostrando che la Romania vedrebbe un aumento del prezzo medio annuo del 2,8% nel 2021, rispetto ad un anticipo del 2,5% come previsto in autunno, a cadere al 2,1% nel 2022.

Inoltre, per quanto riguarda il disavanzo delle partite correnti della Romania, se in autunno il FMI ha fatto affidamento su una diminuzione fino al 4,5% del PIL nel 2021, attualmente l'istituto finanziario internazionale stima che questo deficit si ridurrà molto poco, fino al 5% del PIL in 2021 dal 5,1% del PIL nel 2020, per essere ridotto al 4,7% del PIL nel 2022.

A livello globale, dopo una contrazione del 3,3% nel 2020, l'FMI prevede che l'economia mondiale registrerà un progresso del 6% nel 2021 e del 4,4% nel 2022. "La contrazione del 2020 è inferiore di 1,1 punti percentuali rispetto alle previsioni del rapporto WEO di ottobre, grazie ad aumenti superiori alle attese nella seconda metà dell'anno nella maggior parte delle regioni, dopo che le restrizioni sono state allentate e le economie adeguate alle nuove condizioni di lavoro. per il 2021 e il 2022 sono state riviste al rialzo di 0,8 punti percentuali e 0,2 punti percentuali rispettivamente rispetto a ottobre, grazie alle nuove misure di sostegno fiscale in alcune delle principali economie e al prolungato recupero dei vaccini nella seconda metà di quest'anno ", sottolinea l'istituto finanziario internazionale.

Tra il 5 e l'11 aprile 2021 si svolgono gli incontri primaverili del Fondo Monetario Internazionale (FMI) e della Banca Mondiale (WB), eventi che si svolgono in formato virtuale a causa della pandemia di coronavirus (COVID-19). E nel 2020, le riunioni primaverili e autunnali delle due organizzazioni si sono svolte online, tra le misure di isolamento adottate per limitare la pandemia. Circa 10.000 funzionari governativi, giornalisti, uomini d'affari e rappresentanti della società civile di tutto il mondo partecipano a questi incontri a Washington

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password