Mesagne, troppi assembramenti in città: il sindaco chiude i distributori automatici dalle 18 alle 5 del mattino

Lo ha deciso con una apposita ordinanza il primo cittadino, Toni Matarelli. I trasgressori saranno multati con una sanzione amministrativa che va da 400 a 1.000 euro.

Articolo di giornalismo partecipativo pubblicato il 14/11/2020 in Attualità da Federico Sanapo
Condividi su:
Federico Sanapo

Il sindaco di Mesagne, Toni Matarelli, ha ordinato la chiusura di tutti i distributori automatici di distribuzione alimenti e bevande presenti in città dalle ore 18:00 e fino alle 5:00 del mattino. L'ordinanza è valida da oggi 14 novembre e fino al prossimo 13 dicembre. Il primo cittadino ritiene che la diffusione del virus Sars-CoV-2 imponga misure ancora più restrittive per evitare il contagio. Il sindaco informa che soprattutto i più giovani tendono a sostare dinanzi a tali attività commerciali dopo aver acquistato i prodotti, creando spesso assembramenti pericolosi per la salute pubblica. Le violazione all'ordinanza saranno punite con sanzioni amministrative che vanno dai 400 ai 1.000 euro e con la chiusura dell'esercizio per un periodo che va da 5 a 30 giorni. Potranno restare comunque aperte le cosiddette "cassette d'acqua" e i distributori automatici presenti presso farmacie, parafarmacie, uffici, caserme e strutture sanitarie. 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password