Lo psichiatra: La resurrezione di Vasco un esempio positivo

Lo assicura assicura Massimo Di Giannantonio, docente all'università D'Annunzio di Chieti

pubblicato il 10/06/2013 in Attualità da redazione
Condividi su:
redazione

 Vasco in formissima di nuovo sul palco a Torino dopo la malattia, un esempio per tutti gli italiani

che hanno passato o passano momenti difficili legati alla salute, ma
anche a difficolta' economiche: "Il termine della malattia coincide
con una vera e propria 'resurrezione' in senso psichico, che nel caso
del cantante ha portato a una reintegrazione a livello massimo" nel
mondo della musica. Ma acquisire "una nuova e arricchita identita' e'
alla portata di tutti", assicura all'Adnkronos Salute Massimo Di
Giannantonio, docente di Psichiatria all'universita' D'Annunzio di
Chieti.

      "Tutti noi - ribadisce lo psichiatra - possiamo passare momenti
difficili, per problemi di tipo somatico o mentale. Purtroppo si
tratta di due tipologie di 'ostacoli' che si influenzano l'una con
l'altra: la malattia del corpo da' malattia della mente, e viceversa i
problemi psichici provocano problemi somatici. La guarigione che
coincide con la cessazione dei sintomi fa partire la riconquista
dell'identita' complessiva della persona", e in casi come quello di
Vasco, si riesce a esprimere se stessi a livelli massimi, perche'
l'eta' non e' un problema quando la guarigione si trasforma in
combustibile" per la vita. "Questa nuova identita' si somma con
l'entusiasmo provocato dal pericolo scampato e dal poter nuovamente
disporre della propria storia".

      Quello di Vasco, insomma, secondo Di Giannantonio e' "uno
straordinario insegnamento per tutti noi: bisogna sempre e comunque
lottare contro le difficolta', perche' se si adotta un approccio
realistico ma positivo, gli obiettivi sono alla portata di tutti".

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password