Annamaria Cancellieri: «L'omicidio stradale sarà reato»

Si valuta anche 'l'ergastolo' della patente

pubblicato il 04/01/2014 in Attualità da Angela Menna
Condividi su:
Angela Menna

Il ministro degli Interni,  Annamaria Cancellieri, entro la fine di gennaio, ha promesso di introdurre il reato di 'omicidio stradale'. Seppur considerato una tipologia a sé stante di omicidio, si riconosce la gravità del dolo quando il colpevole di un incidente mortale, guida sotto l’effetto di alcol o droghe. Sono stati gli ultimi episodi di cronaca a far rifletter la Cancellieri.

In particolar modo la bambina di 9 anni investita a Roma e la coppia madre/figlia sull’A3 in Calabria. Oggi oltre alle ammende previste dal Codice della Strada, in questi giorni, si è parlato di 'ergastolo' della patente: chi uccide, perché guida ubriaco o drogato va sollevato per sempre dal possesso della patente di guida.

L’associazione degli amici della polizia stradale, (Asaps), chiede anche l’aumento delle pene minime: «oggi, i diffusi due anni consentono al colpevole di non scontare un solo giorno di carcere».
Inoltre i casi di pirateria stradale che causano morti, vengono rubricati come omicidio colposo, con la possibile revoca della patente dai 5 ai 15 anni. Ciò è legato al livello di alcool presente nel sangue e dalle sostanze di stupefacenti/ psicotrope che alterano lo stato mentale. Ci sono anche sanzioni amministrative accessorie, come l’annullamento della patente conseguita in precedenza, in modo da dover sostenere di nuovo l’esame di guida.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password