I migliori dell’Istituto di Guardiagrele incontrano il Presidente della Repubblica

Per augurare un buon anno scolastico, una manifestazione all’isola d’Elba

pubblicato il 18/09/2018 in Attualità da Chiara pirani
Condividi su:
Chiara pirani

Quale modo migliore per inaugurare il nuovo anno scolastico, se non quello di premiare chi, durante l’anno appena concluso, ha saputo distinguersi e dare il massimo?
Le pagelle migliori della scuola elementare e media di Guardiagrele, infatti, durante lo scorso 17 settembre, si sono recate all’isola d’Elba, in occasione di un incontro straordinario: quello con il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.


A prendere parte all’evento, oltre agli alunni della scuola elementare Christian e Sara Taraborrelli e della scuola media Giorgia Santoleri e Agnese Laico, sono stati anche il sindaco di Guardiagrele Simone Dal Pozzo, la professoressa Patrizia Di Cocco, vicepreside dell’Istituto Omnicomprensivo Nicola da Guardiagrele, e la maestra Mariarosa Macchiagodena, delegata del dirigente della scuola primaria.


La manifestazione “Tutti a scuola” ha avuto inizio alle ore 16:30 a Portoferraio ed è stata trasmessa in diretta su Rai1: la conduzione è stata affidata a Flavio Insinna e Claudia Gerini, e sono intervenuti il Presidente Mattarella e il ministro dell’istruzione Marco Bussetti, ma anche alcuni volti noti dello spettacolo, tra cui Paola Cortellesi, Lorenzo Baglioni e Fabrizio Moro, e del mondo dello sport, la nuotatrice Simona Quadrella e Maria Navarria, vincitrice dell’oro ai mondiali di scherma tenutisi quest’anno in Cina, il velocista Filippo Tortu, i campioni di scherma Giorgio Avola, Daniele Garozzo e Alessio Foconi, l’atleta di bob Francesco Costa e i campioni paralimpici: i nuotatori Simone Barlaam, Carlotta Gigli e Antonio Fantin e il velocista Riccardo Bagaini, accompagnati dal Presidente del CONI Giovanni Malagò e da quello del Comitato Paralimpico Luca Pancalli.
Un’esperienza da imprimere su un foglio e nel bagaglio di questi piccoli campioni nello studio, che ci insegnano non solo quanto i sacrifici e l’impegno profuso possano essere ripagati nel migliore dei modi, ma anche come non si impari tutto sui banchi di scuola.
Complimenti!

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password