Passioni da “supereroi”: l'informatica di Francesco

La rubrica delle persone comuni

pubblicato il 20/06/2016 in Attualità da Chiara pirani
Condividi su:
Chiara pirani

Le passioni di Francesco non si fermano mai.

Accanto alla musica, ce n'è un'altra, forse ancora più forte, a cui il nostro Francesco tiene particolarmente.

L'informatica: una passione talmente forte, che nasce con lui.

 

Si potrebbe dire, in casi come questo, che la passione è nata con me: vedendo mia sorella davanti al computer, non potevo fare a meno di staccare gli occhi da quello strano strumento.”

 

Sarà stato per la curiosità o semplicemente per il fatto di volersi misurare con qualcosa di particolarmente interessante, che il nostro Francesco non ha perso un attimo.

 

“Con il tempo, ho imparato a sfruttarla al massimo.”

 

Una passione che continua, che tenta di spingersi il più lontano possibile.

 

“La voglia di fare "esperimenti" con i computer mi piace e mi appassiona talmente tanto che, in molti casi, riesco a ripararne uno guasto.

Spesso mi è capitato di riparare anche computer di altre persone, e si può dire che mi riesce bene anche con i cellulari.”

Riparare, rimediare, ricostruire. Francesco non si ferma neppure di fronte alle difficoltà che il computer gli pone davanti.

E, con un pizzico di curiosità, tutto si colora in modo diverso.

 

“Mi incuriosisce provare metodi obsoleti, per vedere al giorno d'oggi che effetto fanno.”

 

L'informatica? È anche la scelta per il futuro.

 

“Penso che la facoltà di scienze informatiche sia quella più adatta a me.”

 

Sono tanti i motivi che lo spingono a questa scelta.

Perché, cos'è l'informatica?

È una cosa di cui non posso fare a meno: senza, sentirei come un vuoto dentro di me.

Ma so che ci sarà ancora tanto da imparare e quando si tratta di questa materia sono certo che ne avrò una voglia infinita e che non ne uscirò mai stanco.”

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password